Flash news:   Palazzine ad Alvanite, a marzo i lavori alle grondaie. Il sindaco: «Confidiamo nel progetto da 2 milioni di euro presentato per attingere ai fondi del Pnrr» Sabino Cassese possibile candidato a presidente della Repubblica Parco del Fenestrelle, il sindaco convoca il Consiglio per l’approvazione: «Abellinum, Palazzo Caracciolo e pineta San Gregorio siano attrattori dell’area». Foto Covid 19, 494 positivi in Irpinia: 24 residenti nel comune di Atripalda Parte l’installazione di sei colonnine per la ricarica delle auto elettriche ad Atripalda non senza polemiche in via San Lorenzo. Foto Covid 19, 684 persone contagiate in Irpinia: 14 residenti nel comune di Atripalda S’infiamma lo scontro sui nuovi parcometri, l’ex sindaco Spagnuolo accusa: «Pacco, doppio pacco e contropaccotto dell’attuale Amministrazione comunale» L’ex sindaco Gerardo Capaldo regala la storia della Dc alla biblioteca comunale di Atripalda. Foto Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda

Usura ed estorsione ad Atripalda, agli arresti domiciliari padre e figlio di 50 e 32 anni: prestavano denaro con interessi fino al 180%

Pubblicato in data: 21/6/2021 alle ore:14:35 • Categoria: Cronaca

Questa mattina, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa della misura cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal GIP del Tribunale di Avellino su richiesta della Procura della Repubblica di Avellino, nei confronti di due persone, entrambe originarie di Atripalda, di anni 50 e di anni 32, poiché ritenuti gravemente indiziati dei reati di usura ed “estorsione”. Le vittime, tra cui un imprenditore, erano costrette, secondo la prospettazione accusatoria, a pagare interessi con un tasso che superava il 120% annuo, in un caso addirittura raggiungendo il 180%. In alcune occasioni, le somme, già gravate da tali esosi interessi, aumentavano vertiginosamente, perché gli usurati si trovavano nella necessità di chiedere ulteriori prestiti, proprio per far fronte all’insostenibile esposizione debitoria, che, talora, cercavano di ridurre anche alienando propri beni agli usurai. L’attività di indagine, avviata a seguito della denuncia per lesioni personali subite da una delle vittime, ha interessato un arco temporale di vari anni, anche per la complessità degli accertamenti. Gli investigatori, infatti, hanno dovuto ricostruire i movimenti finanziari, attraverso articolate investigazioni, consistite nell’assunzione di dichiarazioni da persone informate sui fatti, in perquisizioni, nell’analisi di documenti e dei flussi di ingenti somme di denaro, movimentate con operazioni extracontabili.

Il Procuratore della Repubblica di Avellino
Domenico Airoma

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *