Flash news:   Verso le Amministrative 2022, nasce il comitato civico “Dna Atripalda” Rapina al Tabacchi di via Aversa, cresce la paura in città. Renzulli: “chiediamo più sicurezza e il potenziamento della stazione dei Carabinieri” Lutto Carmine Gaita, il cordoglio di AtripaldaNews Parcometri, è scontro in città: l’opposizione accusa: «Le priorità sono altre, 933mila euro sperperati» Stadio comunale, Idea Atripalda: “bisogna prendersi cura del patrimonio che si ha a disposizione” Ciclismo, il team Eco Evolution Bike presenta le nuove divise Torna il “Cinema in Piazzetta” di Laika, stasera prima proiezione con “Frankenstein Junior” Rapina nel primo pomeriggio al Tabacchi di via Aversa ad Atripalda: portato via l’incasso Pallonate volanti e comportamenti incivili in piazza Umberto: scattano i controlli dei vigili urbani e con la videosorveglianza le sanzioni Palazzo Caracciolo, ripuliti i giardini dell’antica dimora per consentire visite guidate e concerti all’aperto. Foto

Addio al cavaliere Gennaro Marena: il cordoglio del sindaco Spagnuolo: «La comunità di Atripalda perde il custode delle nostre tradizioni popolari»

Pubblicato in data: 16/7/2021 alle ore:20:55 • Categoria: Cronaca

«La comunità di Atripalda perde un’istituzione, il custode delle nostre tradizioni popolari. Rappresentava il raccordo della città con il passato».
Nel giorno della festa della Madonna del Carmine, Atripalda piange il cavaliere ufficiale Gennaro Marena, sarto della politica e per tantissimi anni presidente del comitato festa del Santo Patrono Sabino. Scompare a 95 anni oggi all’Ospedale Moscati di Avellino dopo l’ultima passeggiata nella sua amata piazza Umberto I, dove per decenni ha svolto la sua attività, crocevia della politica cittadina. Per lungo corso è stato anche segretario amministrativo della Democrazia Cristiana, uomo di fiducia dell’ex sindaco Gerardo Capaldo.
«Apprendiamo con grande dolore la scomparsa del cavaliere Marena – commenta il sindaco di Atripalda Giuseppe Spagnuolo -. Davvero non ci crediamo ancora. Lo trovavi sempre in piazza, un punto di riferimento per gli atripaldesi veri». Tanti gli aneddoti che lo legano alla storia della città: «E’ difficile adesso pensare a singoli episodi che ricordano Gennaro Marena perché sono tantissimi. Lo ricordiamo come presidente per anni del Comitato festa San Sabino, a  cui era profondamente legato. Io faccio parte di una delle tante generazioni di atripaldesi che ha incrociato nella propria crescita la figura di Gennaro Marena. Davvero il dolore è forte oggi. Viene meno nel giorno in cui si festeggia la Patrona di Atripalda, anche questo non sembra casuale – prosegue il primo cittadino -. Una grave perdita per la città. Come sindaco rappresento lo stupore e il dolore di tutta la città di Atripalda».
Da presidente del comitato festa, ha trasformato la piazza Umberto nei decenni passati nel palcoscenico del Festival di Sanremo, portando ad esibirsi i più grandi cantanti nazionali e internazionali.
«E’ difficile ricordare tutti gli ambiti di lavoro, civili e di politica in cui Gennaro Marena si è speso e impegnato a favore della città di Atripalda. Anche in ambito politico ha avuto la sua presenza nella Democrazia Cristiana quando era alla guida della città, dell’Irpinia e della Nazione. E Gennaro Marena era a pieno titolo in quel gruppo di persone che hanno contribuito allo sviluppo della nostra città. Con la sua umanità si è sempre speso per tenere insieme le varie anime della Dc. Ricordiamo la sua grande vicinanza con l’ex sindaco Gerardo Capaldo, il suo braccio destro e immaginiamo la difficoltà del dottore nell’apprendere questa notizia. Siamo tutti dispiaciuti per questo».
Le esequie avranno luogo domani pomeriggio, partendo dall’ospedale Moscati di Avellino. Il rito funebre sarà celebrato alle ore 16.30, nella chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire. La salma sarà tumulata nel cimitero di Chiusano San Domenico.
Il manifesto funebre recita «Con la stessa intensità con cui lo hanno amato, oggi lo piangono Grazia, Mariavirginia e Alvaro, Michele e Gabriella, Antonio e Francesca, Gaia e Sara, l’amatissimo cognato Michele Maruotto con Maria e Teresa e tutti coloro che gli hanno voluto bene».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *