Flash news:   Scattano da domani i divieti di sosta in piazzetta Pergola e in via Aversa ad Atripalda. Sale la protesta dei residenti della palazzina comunale di via Fiumitello ad Atripalda Incendio a Pianodardine, Antonio Prezioso (Fdi): “il sindaco Spagnuolo si attivi presso l’Arpac” Nuova segnaletica per le strade di Atripalda, aggiudicata la gara Sette offerte per la costruzione della nuova scuola media “Masi” di Atripalda In fiamme nella notte deposito di autoarticolati di un’azienda di trasporti a Pianodardine. Foto Degrado fontana in piazza Umberto I, le accuse del consigliere comunale Francesco Mazzariello Viabilità e parco ad Atripalda, interventi per la messa in sicurezza Covid 19, allarme ad Atripalda: ancora un nuovo contagio Campetto di contrada Ischia, aperto il cantiere

Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia”

Pubblicato in data: 21/7/2021 alle ore:14:17 • Categoria: Cronaca

Carissimo Gennaro,
amico nostro e di tutti, la tua dipartita ci ha colti di sorpresa, lasciandoci increduli.
Ieri, nel primo pomeriggio, quando la triste notizia cominciava a diffondersi, un certo stupore ci ha pervasi tutti, perché nell’immaginario collettivo, sembrava che tu dovessi essere immortale.
Ci hai abituati alla tua gentilezza, alla tua educazione, alla tua sincerità, all’eleganza del tuo portamento, alla tua allegria, alla tua gioia di vivere e nel ricordo di queste virtù si che sarai immortale.
Ti ricordiamo tutti alla guida della tua fiammante auto rossa arrivare nella tua amata Piazza Umberto I, dove hai vissuto le esperienze più belle della tu vita.
La tua sartoria è stata non solo il laboratorio nel quale hai messo in pratica per anni l’arte del cucito, ma anche il luogo dove personalità di spicco della politica hanno fatto a gara ad intrattenersi a chiacchierare con te.
Hai avuto la fortuna e l’onore di conoscere e vivere il boom economico italiano, la ricostruzione post-terremoto dell’Irpinia, il nobile mestiere della politica, di quella che sa costruire e progettare per il bene comune, ma non ti sei mai sentito superiore agli altri, ne ti sei mai vantato dei ruoli prestigiosi che hai ricoperto. Sei stato Presidente del Comitato Festa San Sabino per quaranta anni e come un maestro d’orchestra, hai saputo creare la giusta armonia tra i suoi componenti.
Sapevi dirimere ogni controversia con saggezza, sapendo imporre anche le decisioni, quando necessario, come solo una persona carismatica e autorevole come te sapeva fare.
Pur non essendo nativo di Atripalda, ti sei innamorato del nostro paese e lo hai onorato nel migliore dei modi.
La devozione per San Sabino, nostro protettore, che si è trasformata ben presto in un’autentica passione, ne sono il segno più forte e tangibile.
Sei stato un uomo di Piazza, nella sua più alta accezione, perché per te la piazza era il luogo di incontri, dialogo, cultura, amicizia e lavoro, mai un petegolezzo, che pur corre veloce nella piazza, ha trovato in te terreno fertile.
La città di Atripalda perde un pezzo della sua storia, il comitato festa San Sabino perde il suo più fedele e assiduo sostenitore, la società civile perde il garbo e la pacatezza delle tue riflessioni, ognuno di noi perde la gioia dell’incontro con te, di quell’incontro che lasciava nel cuore una forza umana contagiosa.
Con te se ne va la vita di un uomo d’ altri tempi, di un galantuomo, di un uomo di onore, di un uomo buono, di un cavaliere non solo del lavoro, ma delle più nobili virtù.
Fà buon viaggio, Gennaro, e quando ti troverai al cospetto del tuo amato San Sabino, prega ed intercedi per noi e per la tua Atripalda.

Con affetto, Anna De Maio, il comitato festa San Sabino e tutti coloro che ti hanno voluto bene.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *