Flash news:   Verso le Amministrative 2022, nasce il comitato civico “Dna Atripalda” Rapina al Tabacchi di via Aversa, cresce la paura in città. Renzulli: “chiediamo più sicurezza e il potenziamento della stazione dei Carabinieri” Lutto Carmine Gaita, il cordoglio di AtripaldaNews Parcometri, è scontro in città: l’opposizione accusa: «Le priorità sono altre, 933mila euro sperperati» Stadio comunale, Idea Atripalda: “bisogna prendersi cura del patrimonio che si ha a disposizione” Ciclismo, il team Eco Evolution Bike presenta le nuove divise Torna il “Cinema in Piazzetta” di Laika, stasera prima proiezione con “Frankenstein Junior” Rapina nel primo pomeriggio al Tabacchi di via Aversa ad Atripalda: portato via l’incasso Pallonate volanti e comportamenti incivili in piazza Umberto: scattano i controlli dei vigili urbani e con la videosorveglianza le sanzioni Palazzo Caracciolo, ripuliti i giardini dell’antica dimora per consentire visite guidate e concerti all’aperto. Foto

Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto

Pubblicato in data: 21/7/2021 alle ore:16:52 • Categoria: Cronaca

Dolore e tanta commozione sabato pomeriggio ai funerali del cavaliere ufficiale della Repubblica Gennaro Marena. Una chiesa gremita quella di Sant’Ippolisto Martire di Atripalda.

Ad officiare il rito funebre don Enzo De Stefano con don Fabio Mauriello e don Ranieri Picone. In chiesa presenti i familiari, l’Amministrazione comunale con il sindaco Giuseppe Spagnuolo, gli ex primi cittadini Gerardo Capaldo, Aldo Laurenzano e Lello La Sala, politici locali, il Comitato festa di San Sabino e tante associazioni.

A ricordarlo a fine della messa, il sindaco Giuseppe Spagnuolo, che ha preso per prima la parola «gli insegnamenti che ci lascia Gennaro Marena sta a noi non disperderli come tra i suoi principali valori era l’unità della comunità atripaldese e di difendere l’identità della città di Atripalda. Lo ha fatto sempre affermando le proprie idee m stando sempre in piazza ad ascoltare tutti. Oggi come città di Atripalda perdiamo un riferimento importante della nostra identità. Perdiamo una parte delle nostre radici. È stato poi un maestro di cerimonia da presidente del comitato festa di San Sabino sapendo sempre porsi nei confronti delle istituzioni».

Poi l’ex consigliere La Sala ha ricordato le sue origini di San Mango: «viviamo sentimenti di commozione. Gennaro era orgoglio di quella terra e comunità. Poi si legò ad Atripalda, un ritorno durato più di settant’anni. Gennaro era orgogliosamente di San Mango e teneramente innamorato di Atripalda e della sua famiglia. Lui ha rappresentato il comitato di San Sabino, la vita pubblica.. ha rappresentato anche un momento di passaggio anche quando l’artigianato puntava diventare imprenditoria. Era sarto, una secolare tradizione della nostra città. La sua una storia che andrebbe scritta e studiata perché rappresenta il cammino esemplare della vita».

Prima dei ringraziamenti finali del figlio Michele, una lettera di ricordo del comitato festa San Sabino.

Infine l’uscita della bara dalla chiesa. La salma è stata poi tumulata nel cimitero di Chiusano San Domenico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *