domenica 19 settembre 2021
Flash news:   L’appello dell’imprenditore Enzo Angiuoni alla Soprintendenza: «Fatemi restaurare lo Specus» Ruba in un supermercato, i Carabinieri di Atripalda denunciato un 40enne L’assessore Urciuoli: «Eventi culturali nel parco archeologico di Abellinum per valorizzare storia e territorio» Carabiniere libero dal servizio si imbatte in uno spacciatore: denunciato ventenne di Atripalda Al via il nuovo anno scolastico ad Atripalda: per refezione e trasporto confermato l’utilizzo di Telemoney Il Maresciallo Maggiore David Lombardini nuovo comandante della Stazione dei Carabinieri di Atripalda Stadio Valleverde-Aquino, il comune di Atripalda incassa il contributo di 700 mila euro Riapertura delle scuole: AIR pronta con il pianotrasporti Diciotto anni Demetrio Trasente, auguri dalla famiglia Festeggiamenti in onore del Santo Patrono Sabino, lettera aperta alla Città di Don Fabio Mauriello

Rapina al Tabacchi di via Aversa, cresce la paura in città. Renzulli: “chiediamo più sicurezza e il potenziamento della stazione dei Carabinieri”

Pubblicato in data: 4/8/2021 alle ore:14:41 • Categoria: Cronaca

Cresce la paura nella cittadina del Sabato il giorno dopo la rapina messa a segno al Tabacchi e Ricevitoria di via Aversa. I cittadini e commercianti sui social chiedono maggiori controlli e più sicurezza: «La rapina al tabacchino purtroppo non è un caso isolato. Chi crede che Atripalda sia un’isola felice non solo si sbaglia, ma sottovaluta il problema della sicurezza. Negli ultimi due anni tra attentati dinamitardi a due commercianti, furti nelle abitazioni, rapine, usura, truffe, risse e presenza costante in città di pregiudicati dell’intera provincia ci dice purtroppo tutt’altro – commenta Roberto Renzulli, titolare per decenni di un Tabacchi in città e ideatore del gruppo social Facebook “Abc – Atripalda Bene Comune”” -. Abbiamo cercato più volte di fare capire al sindaco che il problema c’è ed è molto preoccupante. Gli abbiamo chiesto di chiedere al Prefetto di intervenire. Gli abbiamo chiesto di potenziare il servizio di sicurezza. Come gruppo ABC abbiamo chiesto una maggiore attenzione, di aprire un Tavolo sulla Sicurezza». Richieste cadute nel vuoto secondo Renzulli: «Cosa abbiamo ottenuto? Il Prefetto in città è stato inviato, ma solo per una passerella dove sì autocelebravano dei volontari. Chissà cosa gli hanno raccontato, chissà che idea si è fatto. Purtroppo però la realtà è quella che ci racconta la cronaca e non le serate con buffet e medaglie raccontate dai nostri amministratori».
Si chiuede anche un potenziamento della locale stazione dei carabinieri «avevamo una Stazione dei Carabinieri che era il fiore all’occhiello dell’intera provincia. Siamo passati in un paio di anni da tre marescialli e quindici uomini ad una caserma che non ha un comandante effettivo da circa due anni con pochi uomini. Chiediamo al Prefetto di prendere a cuore le nostre preoccupazioni di potenziare la Stazione dei Carabinieri e chiedere al Questore un servizio continuo di sorveglianza dell’intero territorio. Di pattugliare tutte le strade e di fare pulizia di tutti questi pregiudicati che non sono di Atripalda e che ormai sono in pianta stabile in città. La loro presenza è inquietante, non è certo rassicurante. I cittadini non sono tranquilli, non si avverte sicurezza». Si chiede di potenziare la videoserveglianza e sotto accusa finisce il bando di aggiudicazione dei parcometri : «Abbiamo speso 100.000 euro per catramare un Parco con i fondi per la sicurezza. Abbiamo preso 50 mila euro del fondo sicurezza e li stiamo spendendo per pulire la fontana in piazza. Abbiamo impegnato un milione di euro nei parchimetri con un bando molto discutibile, in buona parte finanziati con i fondi per la Sicurezza. Abbiamo speso centinaia di migliaia di euro dal 2012 nel nome della Sicurezza, ci dicano quante telecamere sono accese? Funzionano o funzioneranno? Siamo stanchi di promesse, di foto, di medaglie, coppe, di buffet e di selfie. Chiediamo maggiore attenzione e rispetto, come noi cittadini rispettiamo le autorità preposte» conclude Renzulli.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *