domenica 19 settembre 2021
Flash news:   L’appello dell’imprenditore Enzo Angiuoni alla Soprintendenza: «Fatemi restaurare lo Specus» Ruba in un supermercato, i Carabinieri di Atripalda denunciato un 40enne L’assessore Urciuoli: «Eventi culturali nel parco archeologico di Abellinum per valorizzare storia e territorio» Carabiniere libero dal servizio si imbatte in uno spacciatore: denunciato ventenne di Atripalda Al via il nuovo anno scolastico ad Atripalda: per refezione e trasporto confermato l’utilizzo di Telemoney Il Maresciallo Maggiore David Lombardini nuovo comandante della Stazione dei Carabinieri di Atripalda Stadio Valleverde-Aquino, il comune di Atripalda incassa il contributo di 700 mila euro Riapertura delle scuole: AIR pronta con il pianotrasporti Diciotto anni Demetrio Trasente, auguri dalla famiglia Festeggiamenti in onore del Santo Patrono Sabino, lettera aperta alla Città di Don Fabio Mauriello

Degrado Stadio comunale Valleverde-Aquino, la denuncia: «così il calcio va via»

Pubblicato in data: 11/8/2021 alle ore:10:09 • Categoria: Attualità

«Per la crescita culturale, sportiva e sociale della nostra cittadina ci si deve impegnare o più semplicemente bisogna prendersi cura del patrimonio che si ha a disposizione». Doppio affondo sullo stato di abbandono in cui versa lo stadio comunale Valleverde-Aquino. Il gruppo consiliare di minoranza “Noi Atripalda” e l’associazione “Idea Atripalda” attaccano l’Amministrazione Spagnuolo.
«La scelta dell’Abellinum Calcio 2012 A.S.D di disputare le gare interne del prossimo campionato di Promozione in un altro impianto, e non allo stadio “Valleverde-Aquino” di Atripalda risuona come un importante campanello d’allarme, perché lo sport non è un semplice passatempo, ma un’attività su cui bisogna investire per permettere lo sviluppo della nostra comunità – scrivono i giovani dell’associazione guidata da Antonio Di Gisi -. Ci piace immaginare un’Atripalda differente, che sappia valorizzare i suoi cittadini e le sue cittadine, che sia capace di realizzare i loro sogni e di spingerli a non emigrare».
Lo stadio è fermo da anni anche a seguito della pandemia. I cinque consiglieri comunali guidati dall’ex sindaco Paolo Spagnuolo, dopo l’ultimo Consiglio comunale, hanno presentato un’interrogazione sullo stato di abbandono della struttura sportiva di contrada Valleverde. «A febbraio 2021 è scaduta la concessione dell’impianto sportivo Valleverde-Aquino ma già a partire dall’emergenza epidemiologica la struttura non era utilizzabile. Oggi è di nuovo nella piena disponibilità dell’Ente e versa in uno stato di deprecabile abbandono al punto che la locale squadra di calcio dilettantistico (Abellinum), che negli ultimi anni è riuscita a mantenere vivo e ad onorare il ricordo della importante tradizione calcistica della nostra comunità (aggiungendo alla stessa ulteriori ed importanti successi), sarà costretta a disputare il prossimo campionato altrove». Da qui la richiesta di un intervento urgente: «voglio conoscere se e con quali tempi e modalità l’Amministrazione, intende restituire alla città la piena fruibilità dell’impianto sportivo e se intende procedere a gara per l’affidamento della stessa così concludono i cinque consiglieri comunali Franco Mazzariello, Domenico Landi, Fabiola Scioscia, Maria Picariello e Paolo Spagnuolo.

Proprio nell’ultima riunione del parlamentino cittadino il sindaco Giuseppe Spagnuolo, nell’elencare gli interventi in programma per il prossimo triennio, incalzato sullo stato di abbandono dello stadio, ha spiegato: «Per il Valleverde nel Documento unico di programmazione noi abbiamo proposto e approvato un progetto esecutivo di 700mila euro al vaglio del Ministero per una richiesta di finanziamento. Un intervento che prevede la realizzazione di un campo da gioco con erba sintetica, nuovi spogliatoi e nuovi accesi al campo. Crediamo in questo progetto, di cui attendiamo l’esito».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *