domenica 19 settembre 2021
Flash news:   L’appello dell’imprenditore Enzo Angiuoni alla Soprintendenza: «Fatemi restaurare lo Specus» Ruba in un supermercato, i Carabinieri di Atripalda denunciato un 40enne L’assessore Urciuoli: «Eventi culturali nel parco archeologico di Abellinum per valorizzare storia e territorio» Carabiniere libero dal servizio si imbatte in uno spacciatore: denunciato ventenne di Atripalda Al via il nuovo anno scolastico ad Atripalda: per refezione e trasporto confermato l’utilizzo di Telemoney Il Maresciallo Maggiore David Lombardini nuovo comandante della Stazione dei Carabinieri di Atripalda Stadio Valleverde-Aquino, il comune di Atripalda incassa il contributo di 700 mila euro Riapertura delle scuole: AIR pronta con il pianotrasporti Diciotto anni Demetrio Trasente, auguri dalla famiglia Festeggiamenti in onore del Santo Patrono Sabino, lettera aperta alla Città di Don Fabio Mauriello

Piazza Umberto I , incolumità a rischio fra aiuole sconnesse e buche insidiose

Pubblicato in data: 3/9/2021 alle ore:15:31 • Categoria: Attualità

Piazza Umberto sempre più insicura e pericolosa, scoppiano le proteste sui social. Bambini che giocano a pallone, monopattini e bici che sfrecciano la sera a tutta velocità nel degrado della fontana adiacente al Monumento ai Caduti che da anni non è funzionante e divenuta ricettacolo di rifiuti. Sulla pagina Facebook di “Sei di Atripalda se” c’è lo sfogo di una mamma, con tanto di foto del proprio bambino con un bernoccolo sulla fronte dopo essere inciampato nei pressi della fontana dove il prato è ormai quasi inesistente tra voragini e mattonelle rotte: «Buonasera – scrive la signora – Premetto che non sono abituata a fare polemiche ma con tanta sincerità sono molto infastidita da un’amministrazione comunale fantasma. Atripalda è il paese dove sono nata, dove ho trascorso la mia infanzia. Il paese che tutti invidiavano con una piazza strepitosa colma di alberi e di una bellissima fontana. Vederla oggi mi piange il cuore. Un degrado totale. Oggi mio figlio è inciampato e si è fatto tanto male nel prato che prato non lo è più, ma bensì ricco di voragini. Il prato sì, quello che costeggia la fontana divenuta oggi una discarica di ferro arrugginito come si evince nella foto. Ora io pongo una domanda all’amministrazione comunale. Vi rendete conto di quanti bambini giocano tutti i giorni in questa piazza e rischiano di farsi male perché questo comune non fa’ manutenzione? Domani ricordate che in quella piazza possono inciampare i vostri figli o i vostri nipoti. Risvegliamo le coscienze perché con estrema sincerità è un nostro diritto avere un paese pulito e funzionale».
Nelle intenzioni dell’Amministrazioni l’area che circonda la fontanella e dove si creano delle pozzanghere dovrebbe essere pavimentata. L’Amministrazione ha dato mandato nel mese di aprile scorso all’Ufficio tecnico comunale di piazzetta Pergola di avviare la progettazione di sostituzione delle pompe idrauliche per la riattivazione dei giochi d’acqua nella fontana artistica di piazza Umberto I, ormai ferma da alcuni anni.
A disposizione c’è parte di un contributo di 90 mila euro. Il degrado in cui versa la fontana nella piazza principale della città è stato più volte al centro di denunce e segnalazioni da parte dei social. Stesso destino per quella di piazzetta Garibaldi, nel centro storico, divenuta con il tempo un vero e proprio ricettacolo di rifiuti abbandonati da anonimi con l’acqua che non zampilla più da anni. L’acqua piovana nelle due vasche è divenuta nei mesi corsi un pantano. Ora le due vasche sono state ripulite ma restano non funzionanti. Da sistemare con urgenza anche la balaustra a protezione del Monumento ai Caduti.
Un’altra mamma denuncia invece lo stato in cui versano le strade: «Camminando per Atripalda mi sono resa conto che tanta gente che porta il proprio cane a fare i bisogni, hanno sì i sacchetti, ma la maggior parte non li usa. Si guardano intorno e con diplomazia se ne vanno. Aggiungo che tanta gente invece con civiltà la raccoglie ma deve fare chilometri per trovare un sito, e quindi buttano le bustine col pasticciotto per strada. E questo è, per cui sono stanca di vivere in un paese sporco per mezzo vostro».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *