sabato 23 ottobre 2021
Flash news:   Il Comune impegna 270mila euro per riqualificare piazzetta Padre Pio e il parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda Covid 19, due nuovi contagi ad Atripalda La Giunta estende il servizio mensa ad una sezione della Primaria della “De Amicis-Masi” di Atripalda Detenzione abusiva di armi: assolti quattro atripaldesi Il sindaco Giuseppe Spagnuolo si avvicina al Pd: «guardo con interesse a questa fase di ripartenza e ricostruzione dei Dem. La tradizione popolare è confluita quasi totalmente lì» Il Tribunale di Avellino ha assolto l’assessore Stefania Urciuoli Ciclo escursionismo, dalla verde Irpinia all’azzurro del mare della litoranea salentina Successo per il concerto della pianista atripaldese Antonella De Vinco a Sofia Plesso scolastico Nicola Adamo di Atripalda: disposte nuove analisi geologiche Scattano da domani i divieti di sosta in piazzetta Pergola e in via Aversa ad Atripalda

Festeggiamenti San Sabino, il monito del Vescovo Aiello: “attenti ai trasformismi” e don Fabio: “il Santo metta il sale in testa ai candidati alle amministrative”. Foto

Pubblicato in data: 20/9/2021 alle ore:14:28 • Categoria: Attualità

«Affido voi e tutti quelli che si proporranno per essere eletti alla protezione di San Sabino. Che il Santo vi metta, come si diceva una volta, il sale in testa. E se non basta il sale anche la Santa Manna che distribuiamo a febbraio». A parlare è il parroco della chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire, Don Fabio Mauriello dinanzi al vescovo di Avellino al termine della Santa Messa officiata da Mons Arturo Aiello in occasione dei Festeggiamenti del Santo Patrono Sabino. La messa è finita, è prima della benedizione finale impartita dal vescovo, il parroco prende la parola. Ad ascoltarlo in prima fila il sindaco Giuseppe Spagnuolo con il neo comandante della stazione dei Carabinieri, David Lombardini, con il vice comandante della Polizia Municipale Sabino Picone, gli amministratori, consiglieri comunali e l’ex sindaco Paolo Spagnuolo, alla guida del gruppo d’opposizione in Consiglio comunale.

E don Fabio spiega la Vescovo che il prossimo anno la cittadina del Sabato sarà chiamata alle elezioni amministrative. Una citta già in fermento con l’ex primo cittadino Paolo pronto a ricandidarsi alla guida della città mentre l’attuale sindaco non ha sciolto ancora la riserva.
Ed il parroco, dopo aver salutato le autorità  politiche e amministrative, non si lascia sfuggire l’occasione per far riferimento all’imminente campagna elettorale. Saluta anche il neo comandante della stazione dei carabinieri augurandogli buon lavoro, salutato dai fedeli presenti con un applauso.

Prima di don Fabio, un riferimento al ruolo della politica, della guida del pastore e dell’identità l’aveva già fatto il vescovo durante la sua omelia richiamando i fedeli a fare attenzione ai ”trasformismi”.
Un lungo intervento durante la celebrazione della messa officiata con Don Fabio Mauriello, con il parroco della chiesa del Carmine Do Ranieri Picone e “il senatore” don Gerardo Capaldo.
«Nella festa della traslazione delle ossa di San Sabino, i 25 anni, siamo raccolti qui perché tutto quello che riguarda coloro che ci hanno amato e guidato la nostra chiesa ci mette in festa – ha esordito nell’omelia sua Eccellenza -. Nell’antico testamento l’immagine del pastore era molto forte, riferita al re stesso. Abbiamo bisogno di un pastore e questo vale per la chiesa, per i genitori per gli insegnanti perché non sappiamo dove andare. Perché in qualche maniera ci troviamo sempre nella condizione dei bambini che interrogano con lo sguardo cosa fare anche per ricevere una sorta di feedback su quello che stanno facendo. E’ un bene è un male? Quello sguardo che un bambino alza alla mamma e al papà chiedendo cosa debbo fare e ancora prima chi sono e dove debbo andare. Domande fondamentali della vita, chi sono che è quella dell’identità. Oggi questo è un problema controverso e colorato di tanta polemica. Chi sono? Adesso diventa problematico anche dire sono un uomo o una donna. Ma la di là di ogni presa ideologica noi lo chiediamo ai pastori, genitori, insegnanti, educatori, al Papa. Anche a San Sabino chiediamo chi siamo: siamo il tuo popolo e il tuo gregge. E l’altra domanda è cosa dobbiamo fare». L’agire come conseguenza dell’essere per il Vescovo Aiello: «non puoi agire senza un’identità, avere un mandato. L’agire è la conseguenze dell’essere. Oggi viviamo sul piano dell’emotività e delle superficialità che non ci sembra più chiara questa connessione. Tra l’agire e l’essere. Se siamo sposati agiamo da sposati, se sono il sindaco, e non solo perché indosso la fascia tricolore, perché chiunque potrebbe metterla sul petto. Viviamo ancora un momento di disorientamento che hanno messo in crisi tante cose che sembravano forti e dalle grandi fondamenta. E al pastore chiediamo: cosa dobbiamo fare». Aiello mette in guardia infine: «Assistiamo invece ad una confusione, i laici vogliono fare i preti, i preti i laici. “Unicuique suum”, a ciascuno il suo il  sindaco fa il sindaco, il parroco fa il parroco e il vescovo fa il vescovo. Attenti alle confusioni e ai trasformismi imperanti in giro».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *