sabato 23 ottobre 2021
Flash news:   Il Comune impegna 270mila euro per riqualificare piazzetta Padre Pio e il parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda Covid 19, due nuovi contagi ad Atripalda La Giunta estende il servizio mensa ad una sezione della Primaria della “De Amicis-Masi” di Atripalda Detenzione abusiva di armi: assolti quattro atripaldesi Il sindaco Giuseppe Spagnuolo si avvicina al Pd: «guardo con interesse a questa fase di ripartenza e ricostruzione dei Dem. La tradizione popolare è confluita quasi totalmente lì» Il Tribunale di Avellino ha assolto l’assessore Stefania Urciuoli Ciclo escursionismo, dalla verde Irpinia all’azzurro del mare della litoranea salentina Successo per il concerto della pianista atripaldese Antonella De Vinco a Sofia Plesso scolastico Nicola Adamo di Atripalda: disposte nuove analisi geologiche Scattano da domani i divieti di sosta in piazzetta Pergola e in via Aversa ad Atripalda

Nuovi Parcometri, restano le distanze tra maggioranza ed opposizione

Pubblicato in data: 1/10/2021 alle ore:11:18 • Categoria: Attualità, Politica

L’Amministrazione tira dritto sull’acquisto di nuovi parcometri mentre restano le distanze con l’opposizione.
Dopo l’aggiudicazione della gara d’appalto per l’installazione e la fornitura di 38 nuovi parcometri e seicento sensori di rilevazione per le aree parcheggio del centro città per l’importo totale di 933.138,96 euro, l’amministrazione, nell’ultimo consiglio comunale, ha promesso un incontro con la minoranza per illustrare l’entrata in funzione del nuovo progetto.
Una scelta, quella dell’acquisto di nuovi parcometri, contestata sin dall’inizio dal gruppo consiliare d’opposizione “Noi Atripalda”. Già mesi fa l’ex assessore Domenico Landi chiese lumi sulla delibera: «Chiedo che siano acquisiti i pareri rispetto a questa delibera di giunta e che vengano traslati nel previsionale». Ma lo stesso primo cittadino difese la scelta: «la delibera di giunta di acquisto parcometri è già corredata dai dovuti pareri. Sono fondi del 2019 decisi nel 2020, circa 503mila derivanti da incassi grazie all’autovelox». Un coro di “no” al progetto da parte dell’opposizione anche dal consigliere comunale Franco Mazzariello: «Non è corretto spendere tutti questi soldi quando si debbono sistemare le strade e ampliare i marciapiedi se si vuole rendere Atripalda più vivibile ed accogliente per chi vuole venire a fare acquisti in città».
L’appalto aggiudicato per 933.138,96 euro prevede la posa in opera di 38 nuovi parcometri, la rimozione e smaltimento degli attuali 20 parcometri, la fornitura di segnaletica di indicazione con software di gestione, licenza di centralizzazione e relativo servizio di manutenzione ed assistenza tecnica e  automazione del parcheggio interrato della villa comunale. Il pagamento dei ticket per la sosta della auto potrà avvenire non solo con moneta ma anche con bancomat, carte di credito o cellulare. Saranno inoltre posizionati 600 sensori per tutti gli stalli collegati a sette totem informativi per indicare agli automobilisti gli spazi liberi. I totem saranno installati in via Pianodardine, via Manfredi, piazza Umberto I, via Roma, rotatoria della Maddalena, via Appia e via Aversa e segnaleranno agli automobilisti in transito dove c’è disponibilità per la sosta delle auto. Informazioni comunicate anche su palmari ai vigilini che potranno così migliorare i controlli per il pagamento del ticket.
Inoltre il parcheggio interrato della villa comunale di via Circumvallazione, con 30 posti auto, sarà automatizzato con l’installazione di una colonnina d’ingresso e d’uscita con sbarre, cassa continua automatica per il pagamento del ticket e quattro telecamere per la lettura, all’ingresso e all’uscita, delle targhe delle auto.
L’assessore al Traffico Mirko Musto, che ha seguito tutto l’iter, risponde alle accuse della minoranza: «Landi è stato il primo a criticare il quarto d’ora gratis nella sosta a pagamento in città salvo poi da amministratore unico di “Mercogliano “Servizi” adottare lì la stessa agevolazione. Nei prossimi giorni chiariremo in un incontro cosa faremo ad Atripalda sui parcometri, cosa che forse qualcuno ad Avellino non riesce a fare (la stoccata è per Paolo Spagnuolo presidente di Acs ndr.)». Questa la replica dell’ex assessore Landi: «le tariffe per la sosta li decide la giunta e non l’amministratore unico. Io ho detto delle cose con una serenità assoluta. Oggi il popolo atripaldese vi percepisce in modo diverso da quando vi ha dato il mandato elettorale».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *