Flash news:   Lavori di efficientamento energetico per due scuole e la biblioteca comunale: l’Amministrazione chiede i fondi Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto 70° compleanno Mario Cetro, gli auguri della famiglia Tentano di rubare in un negozio di Atripalda, denunciate due ventenni straniere per furto aggravato 25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione

La sede della Polizia municipale di Atripalda sarà intitolata all’ex comandante Nino Colantuoni

Pubblicato in data: 5/10/2021 alle ore:11:07 • Categoria: Attualità

La sede della Polizia Municipale porterà il nome dell’ex comandante Nino Colantuoni scomparso nell’agosto del 2012. Gli Uffici dei vigili urbani, ubicati al primo piano di Palazzo di città, saranno infatti intitolati al loro amato e compianto comandante.
A deciderlo l’Amministrazione del sindaco Giuseppe Spagnuolo che ha approvato in Giunta l’intitolazione ed avviato l’iter con la Prefettura per l’apposizione di una lapide commemorativa. A presentare la proposta di intitolazione del Comando della agenti metropolitani della Città di Atripalda al compianto tenente Carmine Colantuoni è stato proprio il primo cittadino con l’attuale comandante dei Vigili, Domenico Giannetta e l’assessore delegato al Traffico e Commercio Mirko Musto con la seguente motivazione «durante l’attività di Comando della Polizia Locale ha saputo coniugare il rigore del ruolo all’umanità che lo ha sempre contraddistinto lasciando un vuoto incolmabile tra cittadini, appartenenti alla polizia locale, sindaci e amministratori che hanno sempre trovato in lui un punto di riferimento leale e sincero per la costruzione del bene comune della Città di Atripalda».
Nel deliberato di giunta si legge ancora che «la richiesta è supportata dall’intera società atripaldese che ne ha potuto apprezzare le doti e oggi auspica l’intitolazione della struttura, da egli diretta, al fine di poter essere di esempio per le attuali e future generazioni».
L’esecutivo municipale ha così approvato all’unanimità la proposta di intitolazione del Comando di Polizia Locale di Atripalda al Tenente Carmine Colantuoni, avviando la necessaria istruttoria per la preventiva autorizzazione da parte della Prefettura di Avellino per l’apposizione di una lapide commemorativa.
Colantuoni ha diretto per anni gli uffici del Comando nella vecchia sede di via Santi Sabino e Romolo, uffici poi collocati nella nuova sede di Palazzo di città.
Grande partecipazione ci fu al suo funerale nella Chiesa madre di Sant’ Ippolisto. «Siamo in tanti quest’oggi per dire grazie a Nino per tutto quello che ha fatto per noi e per la nostra cittadina – dichiarò dall’altare nell’omelia Don Ranieri Picone -. Ciascuno porta nel suo cuore un ricordo, un avvenimento vissuto con Nino. Ha servito la comunità cittadina secondo il suo carisma e con la sua presenza costante. Possiamo solo dire grazie a Dio per avercelo donato. Era voluto bene da tutti ed era comunemente chiamato “l’amico della piazza”, in lui mi colpiva molto la sua fede semplice e riservata. Oggi non scompare, oggi consegna a Dio il frutto del suo lavoro».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.