sabato 13 agosto 2022
Flash news:   Opposizione all’attacco della maggioranza: “stop ai veleni post voto” Aree giochi per bambini, conclusi i lavori del primo lotto. Il sindaco: “mi appello al senso civico di tutti” L’Alienazione dell’ex sede Asl di via Tiratore riaccende lo scontro politico in città. Renzulli (Abc): «è il fallimento di chi ci ha governato» L’Inail mette in vendita l’ex sede Asl di via Tiratore: asta il 5 ottobre al prezzo di 2 milioni e mezzo Straripamento al Ponte delle Filande, l’Amministrazione Spagnuolo: “Mai visti mezzi in azione il giorno stesso dell’esondazione”. Foto Notte di San Lorenzo al parco archeologico di Abellinum Maltempo, straripa il Fenestrelle all’altezza del Ponte delle Filande: contrada Fellitto allagata e strada chiusa L’Amministrazione punta ad aggiornare l’albo delle associazioni presenti in città La Mantide della Brianza ha truffato anche un 71enne di Atripalda I volontari della Protezione civile di Atripalda in campo la domenica in piazza Umberto I come presidio di sicurezza: parla la delegata Maria Fasano

Ordinanza del sindaco Spagnuolo sui roghi agricoli: concessi ma con restrizioni

Pubblicato in data: 8/10/2021 alle ore:09:30 • Categoria: Attualità, Comune

Torna la possibilità di bruciare i residui vegetali o altro materiale ad Atripalda ma solo a determinate condizioni. Si potrà di nuovo dare fuoco a materiali di qualsiasi tipologia e natura sul territorio comunale ma con delle restrizioni.
La nuova ordinanza, con in calce la firma del primo cittadino Giuseppe Spagnuolo, infatti pone delle limitazioni a tale attività, con delle fasce orarie prestabilite e soltanto due giorni a settimana. Una regolamentazione dell’accensione dei fuochi per eliminare i residui vegetali o altri materiali connessi all’esercizio delle attività agricole nei terreni agricoli, anche se incolti, negli orti, giardini, parchi pubblici e privati che potrà essere effettuata in piccoli cumuli e in quantità giornaliera non superiore a tre metri steri per ettaro. Lo stero è l’unità di misura di volume apparente usata per il legname ed equivale ad un metro cubo vuoto per pieno. Si potrà bruciare poi solo due giorni a settimana, il mercoledì e il sabato, dalle ore 10 alle ore 16.

Gli abbruciamenti inoltre dovranno essere sempre eseguiti nel rispetto delle seguenti condizioni: distanza minima dalle altre abitazioni e dalle strade carrabili di 20 metri e comunque il fumo non deve propagarsi sui manufatti; distanza minima dai boschi 100 metri, distanza minima dai depositi infiammabili 100 metri.

L’accensione dei fuochi è comunque subordinata alle seguenti condizioni: le attività devono essere effettuate sul luogo di produzione; le sterpaglie dovranno essere preventivamente ed adeguatamente essiccate; durante tutte le fasi dell’attività e fino all’avvenuto spegnimento del fuoco deve essere assicurata costante vigilanza del fuoco,  da parte del produttore o del conduttore del fondo o di una persona di sua fiducia, maggiorenne, ed è severamente vietato abbandonare la zona fino alla completa estinzione di focolai e braci. Ci dovranno essere infine delle condizioni meteo favorevoli con assenza di vento e si dovrà «attuare ogni cautela lasciando intorno al sito oggetto dell’intervento una fascia libera di vegetazione; munirsi di idonee attrezzature per evitare l’eventuale propagarsi delle fiamme e disporre nelle immediate vicinanze di un punto di approvvigionamento idrico; il focolare dovrà essere alimentato progressivamente e regolarmente in modo da evitare grandi fiamme, affinché il responsabile possa condurre con profitto e senza rischi il controllo della combustione; sospendere immediatamente le attività in caso di improvviso mutamento delle condizioni atmosferiche; le faville provenienti dalla combustione non devono  innescare ulteriori focolai ed incendi. Durante le operazioni di abbruciamento il fumo non dovrà interessare abitazioni, strade e centri abitati e, qualora tale situazione dovesse verificarsi a seguito dell’innalzarsi improvviso di un lieve vento, il fuoco dovrà essere  prontamente spento. È sconsigliato l’abbruciamento nei giorni in cui le condizioni  meteorologiche favoriscono il ristagno della fumosità prodotta e l’accumulo verso il  basso e impediscono la facile dispersione del contenuto particellare in atmosfera. Infine curare al termine delle operazioni di abbruciamento ed entro l’orario consentito, con ogni cautela e mezzo idoneo, lo spegnimento delle fiamme e la messa in sicurezza dei  residui delle operazioni. Le ceneri derivanti dalla combustione del materiale vegetale sono recuperate per la distribuzione sul terreno ai fini nutritivi o ammendanti».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.