domenica 23 gennaio 2022
Flash news:   L’ex sindaco Gerardo Capaldo regala la storia della Dc alla biblioteca comunale di Atripalda. Foto Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda Passaggio a livello di via Appia: riunione tra Comune, Rfi e Regione Campania. Spagnuolo: “scelta la nostra proposta, sarà realizzato un ponte sopraelevato” Soppressione passaggio a livello di via Appia, Petracca: “risultato concreto, cosi siamo al fianco dei territori” Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 18 residenti nel comune di Atripalda Spagnuolo: «l’ex sindaco lasciò in regalo alla città un Comune sull’orlo del dissesto» Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore in città Assunzioni al Comune di Atripalda, l’affondo di Paolo Spagnuolo: «solo annunci roboanti» Covid 19, 563 contagi in Irpinia: 11 residenti nel comune di Atripalda

Detenzione abusiva di armi: assolti quattro atripaldesi

Pubblicato in data: 22/10/2021 alle ore:13:37 • Categoria: Cronaca

Tre uomini ed una donna, tutti residenti nella città di Atripalda, sono stati assolti dal Giudice dell’Udienza Preliminare del Tribunale Penale di Avellino, dottor Marcello Rotondi, dall’accusa di detenzione abusiva di armi in concorso.
Ai quattro atripaldesi, nel luglio dello scorso anno, erano stati notificati gli avvisi di conclusioni delle indagini formulati dalla Procura della Repubblica di Avellino, in persona del Pubblico Ministero dott.ssa Antonella Salvatore. Secondo l’accusa avrebbero detenuto illegalmente, in concorso ed in qualità di coeredi, una rivoltella calibro 38 ed un fucile a due canne calibro 12, omettendo di denunciare il possesso ottenuto iure successionis, nonché avrebbero omesso di osservare la dovuta diligenza nella custodia delle armi rivenute dai carabinieri di Avellino in un armadio di una abitazione di cui  risultavano coeredi.
La  difesa di uno dei quattro atripaldesi imputati, rappresentata dai legali di fiducia Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, è riuscita a dimostrare la totale innocenza e la buona fede del proprio assistito: egli non aveva in uso l’appartamento dove i carabinieri  hanno rinvenuto le armi e addirittura non possedeva le chiavi  della porta di ingresso.
Il Giudice ha accolto in pieno tale tesi difensiva ed ha mandato assolti tutti gli imputati per non aver commesso il fatto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *