domenica 23 gennaio 2022
Flash news:   L’ex sindaco Gerardo Capaldo regala la storia della Dc alla biblioteca comunale di Atripalda. Foto Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda Passaggio a livello di via Appia: riunione tra Comune, Rfi e Regione Campania. Spagnuolo: “scelta la nostra proposta, sarà realizzato un ponte sopraelevato” Soppressione passaggio a livello di via Appia, Petracca: “risultato concreto, cosi siamo al fianco dei territori” Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 18 residenti nel comune di Atripalda Spagnuolo: «l’ex sindaco lasciò in regalo alla città un Comune sull’orlo del dissesto» Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore in città Assunzioni al Comune di Atripalda, l’affondo di Paolo Spagnuolo: «solo annunci roboanti» Covid 19, 563 contagi in Irpinia: 11 residenti nel comune di Atripalda

Multa regionale non pagata dall’ex sindaco stasera in Consiglio comunale

Pubblicato in data: 3/11/2021 alle ore:14:38 • Categoria: Attualità, Comune, Politica

Diventa un debito fuori bilancio per le casse comunali la multa regionale non pagata dall’ex sindaco Paolo Spagnuolo. Il Consiglio comunale di Atripalda, convocato per questa sera alle ore 20, è infatti chiamato a deliberare sulla sanzione da 42mila euro emessa da Palazzo Santa Lucia e notificata all’ex primo cittadino a seguito dei controlli effettuati dall’Arpac e dai Carabinieri della locale stazione nell’ottobre del 2014 su degli sversamenti illeciti avvenuti nel tratto cittadino del fiume Sabato.
Una multa comminata con decreto dirigenziale della Regione Campania n. 699 del 6 ottobre 2015 all’allora sindaco Paolo, in qualità di soggetto obbligato, e all’Ente comunale di Piazza Municipio, in qualità di soggetto coobbligato.
Il riconoscimento della multa come debito fuori bilancio nel parlamentino comporterà una variazione nei conti dell’Ente. La Giunta aveva concesso un lasso di tempo all’ex primo cittadino per poter pagare la sanzione, ma finora l’ex sindaco non ha ottemperato al pagamento. Dopo il riconoscimento come debito fuori bilancio di questa sera lo farà il Comune, per rifarsi successivamente rifarsi con azione di regresso sull’ex primo cittadino.
L’ex primo cittadino in  questi mesi ha sempre sostenuto che la multa gli è stata notificata in quanto rappresentate legale pro tempore dell’Ente e non trasgressore e che non tocca a lui pagarla. Ha inoltre difeso il proprio operato sostenendo che non c’è stata inattività e non ha colpe dal punto di vista amministrativo. Per Paolo Spagnuolo quegli sversamenti illeciti, che furono riscontrati da Arpac e Carabinieri nel tratto cittadino del fiume Sabato, dovevano essere legati ad una rottura o ad uno sversamento illecito momentaneo da parte di un privato che avrebbe dovuto rispondere dell’accaduto.
La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo, per evitare azioni esecutive ed eventuale danno a carico del Comune in qualità soggetto coobbligato, con il riconoscimento da parte dell’aula del debito fuori bilancio di questa sera procederà quindi al pagamento della multa, avviando poi azione di regresso verso l’obbligato principale che è l’ex sindaco. L’esecutivo si è anche impegnato a presentare un’istanza di autotutela finalizzata alla rideterminazione della entità della sanzione irrogata dalla Regione.
All’ordine del giorno di questa sera, dopo la lettura ed approvazione del verbale della seduta precedente del 22 settembre scorso, anche la discussione del Bilancio consolidato relativo all’esercizio 2020. Infine ultimo punto all’ordine del giorno è la nomina dei componenti della Commissione Locale per il Paesaggio per il triennio 2021/2024.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *