Flash news:   Lavori di efficientamento energetico per due scuole e la biblioteca comunale: l’Amministrazione chiede i fondi Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto 70° compleanno Mario Cetro, gli auguri della famiglia Tentano di rubare in un negozio di Atripalda, denunciate due ventenni straniere per furto aggravato 25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione

Convento di San Pasquale, parla il sindaco Spagnuolo: «Prendiamo atto della volontà dei Frati di restituirlo al Comune, ma l’affidamento anomalo a Percorsi ritengo sia di fatto risolto»

Pubblicato in data: 30/11/2021 alle ore:13:45 • Categoria: Attualità

«Prendiamo atto della volontà dei Frati francescani di far ritornare il Convento nella disponibilità del Comune visto che hanno comunicato in questo mese che non hanno più possibilità nel condurre l’edificio. E il Consiglio comunale, che ha competenza in materia, sarà chiamato a pronunciarsi su questa restituzione». A parlare è il sindaco Giuseppe Spagnuolo che anticipa uno dei punti salienti che sarà discusso dal Consiglio comunale di questa sera. Dopo sessantadue anni il Convento “San Giovanni Battista’ di rampa San Pasquale viene restituito a Palazzo di città dall’Ente Provincia Sannito­lrpina dei Frati Minori di Santa Maria delle Grazie, comodatari della struttura.
I consiglieri comunali dovranno pronunciarsi su questa retrocessione. Alla base della restituzione la carenza di vocazioni che ha portato alla chiusura della struttura cinquecentesca che dal lontano 1959, anno della convenzione con cui il Comune affida ai frati minori la struttura in comodato, ritorna in possesso del Comune. «Le attività dei frati francescani si sono un po’ esaurite nei decenni, visto la carenza di vocazioni, e ci hanno così comunicato che sono pronti a restituire l’immobile. E’ competenza del Consiglio decidere. La nostra proposta è di prendere atto di questa retrocessione e di riprenderne il possesso. I frati ci hanno anche comunicato che ci sono alcune attività come quella degli scout, del terzo ordine francescano secolare e della parrocchia del Carmine che ha effettuato attività di catechesi. Andremo a disciplinare tali attività che storicamente si svolgono nel convento. L’indirizzo che noi proponiamo all’aula è di salvaguardare tali attività, disciplinandole sia per gli spazi che per l’utilizzo – prosegue il primo cittadino -. Oltre a ciò procederemo ad una valutazione complessiva dell’immobile e alla verifica dello stato manutentivo. Un percorso che inizia adesso, ma la cosa importante è che rientriamo in possesso, salvaguardando le attività e le associazioni che utilizzano il convento. Questo percorso riguarderà anche la destinazione della struttura in una fase successiva».
La Diocesi di Avellino, attraverso la Caritas, ha accolto da alcuni giorni in una parte dell’immobile sei immigrati con problemi di salute mentale, un progetto che ha suscitato anche proteste sui social. «Un progetto della Caritas, affidato nel 2017 dai frati alla cooperativa “Percorsi” con il consenso del Comune, per il quale è stato destinato una parte del convento per realizzarvi una casa alloggio per disabilità psichiche. Un affidamento abbastanza anomalo fatto nel 2017 dall’affidatario. Questo progetto ad oggi non risulta concretizzato e realizzato per le carte in nostro possesso – conclude Spagnuolo -. Per cui riteniamo che questa finalità non sia stata realizzata e che questo affidamento sia di fatto risolto».

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.