domenica 04 dicembre 2022
Flash news:   Dipendenza da consumo di droga, alcol ed episodi di bullismo tra i giovani: convegno al Comune. Foto Laceno d’oro International Film Festival al via ad Avellino Addio a Gerardo Bianco, padre dell’Ulivo e grande meridionalista Elezione Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: pronta la stanza per la nuova figura istituzionale con scrivania e bandiere. Foto Scontro in aula per l’elezione del Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: è Francesco Mazzariello. L’opposizione abbandona il parlamentino Caccia agli assegnatori morosi dei posteggi del mercato settimanale di Atripalda: revocate una decina di licenze Gestione del verde pubblico, il sindaco: «Puntiamo a prevedere, in base all’omogeneità degli interventi da fare, di dividere la città in più parti e dì sviluppare una serie di gare per gli affidamenti». foto I commercianti di via Roma con l’Amministrazione accendono le luminarie di Natale. Foto Alvanite, l’Amministrazione approva il progetto da tre milioni e 500 mila euro di rigenerazione urbana e lo candida a finanziamento “Occhio alla prevenzione”, convegno questa mattina al Comune sui rischi causati dall’utilizzo di sostanze stupefacenti e di alcol

Piazzetta degli Artisti ad Atripalda, vandali all’assalto: imbrattate le pareti appena ripristinate. Foto

Pubblicato in data: 6/12/2021 alle ore:13:34 • Categoria: Attualità

Vandali di nuovo in azione a Piazzetta degli Artisti ad Atripalda, imbrattati con scritte i muri da poco ripuliti di accesso allo slargo.
Neanche il tempo di cancellare i disegni che a fine ottobre scorso avevano ricoperto le frasi realizzate dai bambini per l’iniziativa denominata “Non Imbrattato, Dipingo” una giornata di sensibilizzazione promossa dall’associazione “Amici di Tony” in memoria del giovane atripaldese Tony Cresta, torna l’indignazione nel centro storico della cittadina del Sabato. Ma anche l’amarezza di vedere i muri della piazzetta, da poco imbiancati e ripuliti dai precedenti raid, che tornano macchiati e sporcati da disegni e frasi che nulla hanno a che vedere con il decoro di una città.
L’area, collocata a poca distanza da Palazzo di città, nel tempo è stata più volte vandalizzata con l’arredo urbano finito nel mirino di balordi. Tempo fa le sedute e i tavoli in legno furono ricoperti con olio di motore di auto. Non è di rado che vengono abbandonati anche rifiuti di ogni genere e bottiglie di vetro.
Tempo fa furono distrutti per ben due volte gli alberelli piantati in occasione dell’adesione del Comune del Sabato alla difesa delle foreste in Amazzonia. Un’inciviltà che sembra ad oggi non trovare fine. Dopo il danneggiamento dell’edicola votiva dedicata al Santo Patrono San Sabino Vescovo altri episodi si erano registrati nell’adiacente piazzetta Garibaldi con il danneggiamento di panchine in legno e posacenere e infine lancio di petardi nei cassonetti dei rifiuti.
Nel mese scorso ad essere imbrattato è stato anche il basamento dei Monumento ai Caduti di piazza Umberto I. Nonostante lo sdegno generale e la denuncia presentata dall’Amministrazione comunale contro chi ha imbrattato il monumento, i colpevoli restano ancora senza volto e senza nome. Il monumento, realizzato nel 1927 dallo scultore napoletano Raffaele Marino, è rappresentato da una statua bronzea dedicata al milite ignoto, sorretta da una base rettangolare in pietra, che sovrasta piazza Umberto I. Sotto di essa è presente una fontana ornamentale da anni non funzionante con un giardinetto circostante lasciato nel degrado totale. Il gruppo statuario presenta due soldati: il primo regge una pistola puntata verso l’orizzonte; l’altro, agonizzante, è abbracciato dal primo che, evidentemente, punta la pistola verso il nemico che ha ferito il secondo.
Il comune ha anche speso oltre mille euro per far ripulire, con un’operazione decoro, dopo pochi giorni il monumento e le facciate della biblioteca comunale “Leopoldo Cassese” ubicata nella villa comunale di piazza Sparavigna.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.