sabato 13 agosto 2022
Flash news:   Opposizione all’attacco della maggioranza: “stop ai veleni post voto” Aree giochi per bambini, conclusi i lavori del primo lotto. Il sindaco: “mi appello al senso civico di tutti” L’Alienazione dell’ex sede Asl di via Tiratore riaccende lo scontro politico in città. Renzulli (Abc): «è il fallimento di chi ci ha governato» L’Inail mette in vendita l’ex sede Asl di via Tiratore: asta il 5 ottobre al prezzo di 2 milioni e mezzo Straripamento al Ponte delle Filande, l’Amministrazione Spagnuolo: “Mai visti mezzi in azione il giorno stesso dell’esondazione”. Foto Notte di San Lorenzo al parco archeologico di Abellinum Maltempo, straripa il Fenestrelle all’altezza del Ponte delle Filande: contrada Fellitto allagata e strada chiusa L’Amministrazione punta ad aggiornare l’albo delle associazioni presenti in città La Mantide della Brianza ha truffato anche un 71enne di Atripalda I volontari della Protezione civile di Atripalda in campo la domenica in piazza Umberto I come presidio di sicurezza: parla la delegata Maria Fasano

Centoquarantamila euro per solidarietà alimentare, sostegno ai canoni di locazione e delle utenze domestiche: al via il bando ad Atripalda

Pubblicato in data: 10/12/2021 alle ore:08:53 • Categoria: Attualità, Comune

Centoquaranta mila euro per la solidarietà alimentare e il sostegno alle famiglie per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche ad Atripalda. L’Amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Spagnuolo ha pubblicato l’avviso rivolto ai residenti, in possesso dei requisiti, che possono accedere, visto il perdurare dell’emergenza Covid-19, al massimo a due contributi a scelta tra i buoni spesa, il pagamento a rimborso del canone di locazione ed infine il pagamento a rimborso delle utenze domestiche.
Voucher comunali per l’acquisto di generi alimentari e prodotti di prima necessità ma anche pagamento a rimborso del canone di locazione e pagamento a rimborso delle utenze domestiche. Si potrà accedere al massimo a due dei contributi previsti.
A disposizione ci sono 50mila euro per misure di solidarietà alimentare alle famiglie indigenti, 35.643,77 euro per il pagamento dei canoni di locazione ed infine 55mila euro per il pagamento delle utenze domestiche sempre destinati a famiglie povere.
L’avviso, con in calce la firma del primo cittadino, richiede il rispetto dei seguenti criteri, per la presentazione della domanda: essere residenti nel Comune; di avere l’intero nucleo familiare del richiedente un Isee corrente non superiore a 15.000,00 euro, e che versino in uno stato di difficoltà economica a causa degli effetti economici derivanti dalla pandemia e che si trovino in condizioni di disagio economico e sociale.
I buoni spesa, i contributi per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche saranno assegnati sulla base delle dichiarazioni rese dall’utente in relazione alle autocertificazioni previste ed a seguito dell’esame delle istanze effettuato dall’Ufficio Servizi Sociali del Comune guidato dall’assessore Nancy Palladino, nell’ammontare di seguito indicato: 100 euro di buoni spesa e massimo 200 euro per canoni e 200 euro per utenze per nuclei familiari composti da una sola persona; 200 euro di buoni spesa e massimo 250 euro per canoni e 250 per utenze per nuclei familiari composti da due persone; 300 euro di buoni spesa per nuclei familiari composti da tre persone e massimo 300 euro per canoni e 300 euro utenze; 400 euro per nuclei familiari composti da quattro persone e massimo 400 euro per canoni e 400 euro per utenze ed infine 500 euro infine per nuclei familiari composti da cinque o più persone e massimo 500 euro per canoni e altri 500 per utenze. Le domande dovranno essere presentate, a partire da ieri, in modalità online attraverso la piattaforma dedicata “https://atripalda.bonuspesa.it”, piattaforma elettronica del Comune del Sabato, entro e non oltre il 20 dicembre. Non saranno accettate e prese in considerazione domande che perverranno a Palazzo di città in altre modalità siano esse cartacee o a mezzo mail. Saranno istruite, inoltre, solo le domande sottoscritte dal richiedente. Le istane non corredate dal documento di riconoscimento del richiedente e degli allegati previsti dal bando, saranno considerate inammissibili. Potrà presentare istanza un solo componente per tutto il nucleo familiare. Verrà data priorità a chi versi in situazione di temporaneo, grave e comprovato disagio economico e che non fruisca già di altri ammortizzatori sociali come il Reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, Reddito di emergenza, Naspi, indennità di mobilità, cassa integrazione guadagni e altre forme di sostegno pubblico.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.