Flash news:   S’infiamma lo scontro sui nuovi parcometri, l’ex sindaco Spagnuolo accusa: «Pacco, doppio pacco e contropaccotto dell’attuale Amministrazione comunale» L’ex sindaco Gerardo Capaldo regala la storia della Dc alla biblioteca comunale di Atripalda. Foto Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda Passaggio a livello di via Appia: riunione tra Comune, Rfi e Regione Campania. Spagnuolo: “scelta la nostra proposta, sarà realizzato un ponte sopraelevato” Soppressione passaggio a livello di via Appia, Petracca: “risultato concreto, cosi siamo al fianco dei territori” Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 18 residenti nel comune di Atripalda Spagnuolo: «l’ex sindaco lasciò in regalo alla città un Comune sull’orlo del dissesto» Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore in città Assunzioni al Comune di Atripalda, l’affondo di Paolo Spagnuolo: «solo annunci roboanti»

Scompare Iovannella stroncato come D’Urso da un infarto: comunità di Atripalda sotto choc

Pubblicato in data: 11/12/2021 alle ore:13:15 • Categoria: Cronaca

La maledizione degli imprenditori della pasta. Nel giorno dei funerali di Andrea D’Urso, il giovane capitano d’impresa scomparso a 45 anni lasciando nello choc e nel dolore la città di Solofra, Atripalda piange la morte di Antonio Iovannella, stroncato a 46 anni anche lui da un infarto fulminante. Antonio con la mamma e la sorella gestiva l’azienda familiare di produzione di pasta frasca “Europasta” ubicata a via Alvanite. Un destino crudele e beffardo che ha accomunato Andrea e Antonio e si è accanito contro i due giovani coetanei ed imprenditori del settore, amici.
Pochi giorni fa si erano incontrati per parlare di lavoro, raccontano gli amici increduli e addolorati che oggi li piangono. Andrea e Antonio mai avrebbero immaginato che una triste fatalità li avrebbe attesi in poche ore, strappandoli per sempre dall’affetto dei propri cari.
Due persone buone dal cuore grande. Due comunità, quella della Concia e della cittadina del Sabato, rimaste incredule e che ora si stringono intorno al dolore straziante delle rispettive famiglie. Giovani imprenditori con tanti sogni ancora nel cassetto.
«Perdiamo un grande lavoratore, imprenditore produttore di pasta e commerciante – commenta l’assessore al Commercio di Atripalda, Mirko Musto -. Antonio con la sua azienda e il suo prodotto era presente non solo in città, ma anche in provincia e in tutta la regione. Il suo tempo l’ha dedicato sempre all’espansione dell’azienda familiare. Conoscevo Antonio non solo perché era un imprenditore di Atripalda, lo incontravo nella grande distributore, io come agente di commercio e lui come produttore di pasta fresca. Negli ultimi giorni l’Irpinia perde due grandissimi imprenditori giovani ed intraprendenti. Andrea D’Urso del pastificio “Graziano” con sede nella zona industriale di Manocalzati possiamo dire era un atripaldese adottato e il nostro concittadino Antonio Iovannella. Come assessore al Commercio nonché come amico di entrambi porgo le mie più sincere condoglianze alle loro famiglie».
Non appena ieri mattina si è diffusa la notizia tanti i messaggi di cordoglio postati dagli amici sulla pagina di Facebook. Filippo Testone della pizzeria di Avellino, a pezzi per il dolore scrive: «riposa in pace, mancherai a tutti noi». A ricordare le grandi doti di Antonio è Fiorella Zingariello che scrive: «Un parente, un cugino, un confidente ma soprattutto una persona buona dal cuore grande. Sempre pronto ad aiutare gli altri. Avevi sempre la soluzione. Avevi sempre il tempo da dedicare agli altri. Oggi il cielo ha una stella in più». Giuseppe Tarantino lo ricorda con dei versi di Alda Merini: «La morte è solo l’inizio del secondo tempo…requiescat in pace…Io non ho bisogno di denaro. Ho bisogno di sentimenti, di parole, di parole scelte sapientemente, di fiori detti pensieri, di rose dette presenze, di sogni che abitino gli alberi, di canzoni che facciano danzare le statue, di stelle che mormorino all’ orecchio degli amanti. Ho bisogno di poesia, questa magia che brucia la pesantezza delle parole, che risveglia le emozioni e dà colori nuovi». Infine Mary De Maio: «Sarai la stella più bella, perché con le tue risate e con il tuo modo di scherzare illuminerai il cielo, farai sorridere anche loro proprio come facevi con noi».
Le esequie di Antonio avranno luogo questo pomeriggio, alle ore 15.30, nella chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire ad Atripalda, dove la città si stringerà intorno alla mamma Immacolata Russo, alla sorella Assunta, alla compagna Maria De Maio ed ai parenti tutti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *