Flash news:   S’infiamma lo scontro sui nuovi parcometri, l’ex sindaco Spagnuolo accusa: «Pacco, doppio pacco e contropaccotto dell’attuale Amministrazione comunale» L’ex sindaco Gerardo Capaldo regala la storia della Dc alla biblioteca comunale di Atripalda. Foto Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda Passaggio a livello di via Appia: riunione tra Comune, Rfi e Regione Campania. Spagnuolo: “scelta la nostra proposta, sarà realizzato un ponte sopraelevato” Soppressione passaggio a livello di via Appia, Petracca: “risultato concreto, cosi siamo al fianco dei territori” Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 18 residenti nel comune di Atripalda Spagnuolo: «l’ex sindaco lasciò in regalo alla città un Comune sull’orlo del dissesto» Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore in città Assunzioni al Comune di Atripalda, l’affondo di Paolo Spagnuolo: «solo annunci roboanti»

Buon 2022 con la poesia di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 1/1/2022 alle ore:14:05 • Categoria: Cultura
Buon 2022 con la poesia di Gabriele De Masi. Versi per l’anno che verrà. Convinti, ma con le dita fortemente incrociate, che sia l’anno buono. Un’istantanea per provare a fermare il tempo che scorre e cogliere appieno l’umore- il malumore- italiano di questa fine d’anno. 
Un messaggio augurale, avvolgente, semplice e diretto, in rima gioiosa e malinconica, per tutti: grandi e piccini, per trovare speranza e serenità nella vita di tutti i giorni. 
Un distillato di emozioni, delusioni e desideri di fine corsa. Un componimento in versi, pieno di rimandi al passato prossimo, al presente, con uno sguardo gettato al futuro, da leggersi tutto d’un fiato. 


Anni

 

Aspetto dal tempo una complicità,

per come sono stato, per come m’ha trattato,

essere meno lento col telefonino,

affrontar un po’ più lesto i gradini,

ma le scommesse non danno incasso

ai giorni nostri, incerti, sperare

e non sapere cosa serbi il calendario,

un arrivederci, una stretta di mano,

l’addio, un improvviso abbraccio,

pretesa magra a questi giorni bigi,

aggrovigliato filo d’attesa, entusiasmi,

cadute rovinose, riprese di rinati slanci.

Abbiamo respirato la cenere;

masticato, amaro, il carbone.

Per questa Epifania, soltanto, e Nuovo Anno,

tornar, magia, d’un tratto, tutti piccini,

giochi all’aria aperta e il sole a manto.


 Gabriele De Masi

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *