Flash news:   Approvato in Consiglio il Bilancio di previsione, il sindaco Spagnuolo: “abbiamo ereditato una situazione disastrosa. Siamo usciti dalla condizione di ente strutturalmente deficitari, ora è il momento degli investimenti per costruire il futuro” Provincia di Avellino: si torna al voto l’11 giugno Amministrative 2022, confronto tra i candidati a sindaco organizzato dall’associazione Cambia-Menti “Artisti in Piazzetta” fa il bis: domenica la collettiva d’arte di Laika Il cordoglio del Presidente della Repubblica Mattarella per la scomparsa di Ciriaco De Mita Scomparsa Ciriaco De Mita, il sindaco Spagnuolo: “protagonista indiscusso della politica e delle istituzioni. Oggi lo ricorderemo in Consiglio comunale” Addio all’ex premier e leader della Dc Ciriaco De Mita Amministrative 2022, campagna elettorale sui social per i tre candidati a sindaco di Atripalda Amministrative 2022, Sinistra Italiana Atripalda critica: “sulla scena politica sempre i soliti attori e attrici che hanno accompagnato il costante declino del paese” Ciclismo, Gran Fondo Nove Colli: il team ‘’Irpinia Cycling’’ partecipa alla regina delle manifestazioni sportive

Una 53enne atripaldese assolta dall’accusa di falso ideologico

Pubblicato in data: 17/1/2022 alle ore:14:09 • Categoria: Cronaca

Una 53enne atripaldese, imputata di falso ideologico, per aver reso dichiarazioni mendaci al fine di ottenere benefici economici, è stata assolta dal Giudice del Tribunale Penale di Avellino, dottor Corona, perché il fatto non costituisce reato. La donna, nel luglio 2018, aveva sottoscritto una autocertificazione dichiarando un reddito del proprio nucleo familiare pari a zero, omettendo di inserire il reddito del suo ex marito da cui si era separata con sentenza del gennaio 2018. Dopo accertamenti effettuati dalla Guardia di Finanza di Avellino, la 53enne venne denunciata alla Procura della Repubblica di Avellino e nel maggio del 2021 rinviata a giudizio. Nel dibattimento, la difesa dell’atripaldese, rappresentata dai legali Sabino Rotondi e Gerardo De Vinco, ha dimostrato la totale buna fede e la carenza dell’elemento soggettivo del dolo nella compilazione della dichiarazione, convincendo il Pubblico Ministero a chiedere l’assoluzione per la 53enne.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.