Flash news:   Abellinum: centomila euro dalla Provincia di Avellino per l’illuminazione notturna ed eventi di Natale Trentenne di Atripalda denunciato dai Carabinieri per possesso di un coltello a serramanico Caro bollette, fondi dal Comune per le famiglie in difficoltà: domande entro venerdì 9 novembre Dipendenza da consumo di droga, alcol ed episodi di bullismo tra i giovani: convegno al Comune. Foto Laceno d’oro International Film Festival al via ad Avellino Addio a Gerardo Bianco, padre dell’Ulivo e grande meridionalista Elezione Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: pronta la stanza per la nuova figura istituzionale con scrivania e bandiere. Foto Scontro in aula per l’elezione del Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: è Francesco Mazzariello. L’opposizione abbandona il parlamentino Caccia agli assegnatori morosi dei posteggi del mercato settimanale di Atripalda: revocate una decina di licenze Gestione del verde pubblico, il sindaco: «Puntiamo a prevedere, in base all’omogeneità degli interventi da fare, di dividere la città in più parti e dì sviluppare una serie di gare per gli affidamenti». foto

Parco San Gregorio, nota di Nunzia Battista: “non c’è la sensibilità giusta”

Pubblicato in data: 15/2/2022 alle ore:12:00 • Categoria: Politica

Gli argomenti sono sempre gli stessi,  la questione è che il punto di vista è diverso!
Innanzi tutto il rispetto! 

Per la città di Atripalda, in particolare per il quartiere di Alvanite, che rinunciò alle risorse destinate poi ad acquisire la Pineta Sessa. Il polmone verde c’era già che differenza avrebbe fatto averlo come patrimonio pubblico?
Lo spettro della lottizzazione, il pericolo che l’interesse privato potesse sopraffare il bene comune.
Che lungimiranza!
Rispetto della volontà dei cittadini perché non c’è un atripaldese che immagina il parco di san Gregorio come un ritrovo per le scampagnate delle domenica pieno di sedie e tavolini, di un vociare esagerato, di una coda di macchine all’ingresso e, ahimè della spazzatura del lunedì.
Il rispetto per la natura per gli uccelli che avevano il nido, per gli animali selvatici perché sottraendo il parco ai cinghiali non spariscono magicamente, anzi, si potrebbero spostare nell’orto di qualcuno.
Il problema è che non c’è la sensibilità giusta per ascoltare la gente nè tantomeno la natura.
E’ una questione di punti di vista!
Il Bosco di San Gregorio sarebbe bello che lo diventasse davvero un Parco, forse c’è bisogno di qualcuno che segua di più la via del cuore! 

Nunzia Battista
Comitato “Atripalda Bene Comune”

Foto Antonio Cucciniello

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.