marted� 23 luglio 2024
Flash news:   Evade dai domiciliari: 31enne di Atripalda arrestato dai Carabinieri Atripalda in lutto: oggi l’addio ad Angela Romano de “I Sognatori” Violento incidente tra due auto ieri sera sulla Statale Settebis Cambi e riorganizzazione della pianta organica al Comune di Atripalda Dolore e commozione per l’ultimo saluto all’ex consigliere comunale Emilio Moschella Atripalda, appuntamento con cinema e teatro: “Rive incantate lungo il fiume” Il torrente Salzola si tinge di rosa: nuovi scarichi abusivi nel tratto che attraversa Atripalda Il Presidente della Repubblica ha concesso la grazia al dottore Carlo Iannace Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli

Guerra in Ucraina, il sindaco Spagnuolo: “l’Amministrazione vicina ai cittadini ucraini presenti sul nostro territorio”

Pubblicato in data: 26/2/2022 alle ore:20:50 • Categoria: Attualità

“Le immagini che arrivano dall’Ucraina suscitano sgomento e disorientamento. Non si può non essere solidali con questo popolo che oggi subisce un’invasione militare che porta con sé morte e distruzione. L’auspicio è che la comunità internazionale possa trovare attraverso la strada del dialogo la via d’uscita da questa pagina buia per la storia del mondo”, lo dichiara Giuseppe Spagnuolo, sindaco di Atripalda.

“L’amministrazione comunale di Atripalda – aggiunge il primo cittadino Spagnuolo – è a disposizione dei cittadini ucraini presenti sul proprio territorio. Siamo certi che in questo momento così carico di angoscia il loro pensiero è al loro Paese così martoriato. Confermiamo perciò la nostra disponibilità, il nostro sostegno e la nostra vicinanza”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *