marted� 16 luglio 2024
Flash news:   Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello” Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore

Parco San Gregorio, Renzulli del Comitato Abc: «loro chiamano “Piano Forestazione” noi lo chiamiamo “Piano Vendita Legna”»

Pubblicato in data: 7/3/2022 alle ore:17:37 • Categoria: Attualità

«Ringraziamo le associazioni provinciali impegnate nella tutela ambientale, faunistica del territorio. Da due anni abbiamo posto l’attenzione sui tagli che avvengono sulla Pineta Sessa. Quello che loro chiamano “Piano Forestazione” noi lo chiamiamo “Piano Vendita Legna”. Il primo cittadino e il suo “delegato ai tagli” non si aspettavano la presentazione dell’esposto».
A parlare è Roberto Renzulli del comitato civico “Atripalda Bene Comune” che ha sollevato la vicenda presentando insieme all’onorevole Alberta De Simone un esposto ai Carabinieri. Ringrazia le quindici associazioni ambientaliste provinciali che con una nota ieri hanno chiesto lo «stop alle motoseghe».
I duecento firmatari dell’esposto confidano ora nelle autorità compenti: «Ringraziamo l’onorevole Alberta De Simone, persona molto sensibile a tali tematiche, perché grazie al suo intervento in Aula consiliare, ha di fatto posto in primi piano quella che inizialmente era una protesta circoscritta al solo gruppo civico – conclude Renzulli -. Ribadiamo che non siamo contro nessuno, siamo solo a favore della Pineta. Aspettiamo fiduciosi che la Procura faccia luce sulle interrogazioni poste. Certo che è molto utile avere in questa fase il supporto delle associazioni, dispiace però che non siano ancora pervenute interventi degli ambientalisti presenti in città, nemmeno dei Verdi che contano sul supporto del portavoce e coordinatore provinciale. Voglio anche ricordare che oltre al Parco Pubblico, abbiamo posto i riflettori sul Parco delle Acacie, completamente catramato e sul fiume Sabato, inizialmente interessato dai lavori e poi lasciato a metà, incompleto e ora anche pericoloso. Chiediamo maggiore tutela ambientale per la nostra città e il nostro territorio. Si deve cambiare passo subito».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *