Flash news:   Lavori di efficientamento energetico per due scuole e la biblioteca comunale: l’Amministrazione chiede i fondi Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto 70° compleanno Mario Cetro, gli auguri della famiglia Tentano di rubare in un negozio di Atripalda, denunciate due ventenni straniere per furto aggravato 25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione

Parco delle Acacie tra sport e integrazione con la giornata organizzata dall’associazione “Biancoverdi Insuper…Abili Aps”. Il sindaco: «Oggi è una festa in un’area a verde fruibile della città». Foto

Pubblicato in data: 26/4/2022 alle ore:06:36 • Categoria: Attualità

«Oggi è una festa dell’integrazione e del ritorno alla socialità in un’area a verde fruibile della città, Parco delle Acacie, luogo di aggregazione in totale sicurezza». Taglio del nastro ieri mattina a Parco delle Acacie dell’evento “Giornata a tutto sport” organizzata dall’associazione “Biancoverdi Insuper…Abili Aps”, in collaborazione con il Coni di Avellino e l’Amministrazione. Una giornata “Noi come Voi, Noi con Voi… Insieme” interamente dedicata alle discipline sportive e alle attività ricreative rivolte a persone con disabilità e non, con esibizioni di varie specialità sportive. Un’occasione per il primo cittadino di rivendicare i lavori di messa in sicurezza effettuati al parco e di rispondere anche alle polemiche social: «La risposta a queste polemiche, nelle quali non ci siamo mai lasciati trascinare, è semplicemente la giornata di oggi che ci dà la dimostrazione di come il parco sia maggiormente fruibile e molto più in sicurezza rispetto a prima. Polemiche campate in aria. Non c’è stato un metro quadrato di verde eliminato, anzi oggi viene curato come non veniva curato prima. La parte pavimentata è stata messa in sicurezza e ricordiamo che nei primi anni della nostra amministrazione era difficile fare anche manifestazioni in piena sicurezza. Quando facemmo il Children’s Day avemmo una serie di difficoltà enormi. Oggi, con grande facilità, una manifestazione dedicata principalmente ai diversamente abili, e quindi con grande attenzione alla sicurezza e all’eliminazione delle barriere architettoniche, ci dà la dimostrazione della bontà del lavoro fatto. Mancano solo piccoli interventi di abbellimento, incrementeremo i giochi per bambini ma oggi il parco è cambiato. Poche settimane fa abbiamo completato anche la ristrutturazione dei servizi igienici e del box biglietteria che, a causa di infiltrazioni, era diventato inagibile».
Il presidente dell’Associazione “Biancoverdi Insuper… Abili Aps”, la preside Emilia Di Blasi evidenzia: «E’ emozionante rivedere tante persone insieme in una giornata di allegria dopo due anni di pandemia. Una giornata dedicata allo sport per superare le disabilità e favorire l’integrazione. Ringrazio l’amministrazione comunale per la sensibilità mostrata e tutti quelli che ci hanno sostenuto».

L’assessore alle Politiche sociali Nancy Palladino: «Ad Atripalda c’è una tradizione di sostegno alle persone con disabilità come il “Centro Aprea”. Oggi è l’inizio di una primavera che parte da questa giornata in questo splendido parco che abbiamo messo in sicurezza». Il presidente del Coni Giuseppe Saviano evidenzia l’importanza dell’integrazione: «purtroppo in alcune amministrazioni e in alcuni contesti non accade mentre qui tutti insieme siamo riusciti ad organizzare questa manifestazione per dare un segno di civiltà, per abbattere le barriere mentali oltre a quelle architettoniche». A benedire il taglio del nastro il parroco don Ranieri Picone che ha sottolineato come le parole chiavi di questa giornata siano due: «ripartenza e rinascita. Una ripartenza attraverso attività sportive di questi nostri fratelli in cui ci mettiamo il cuore. Lo dovevamo a questi nostri amici che hanno sofferto di più le chiusure e la pandemia». Poi l’esibizione del gruppo “I sognatori”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.