Flash news:   Lavori di efficientamento energetico per due scuole e la biblioteca comunale: l’Amministrazione chiede i fondi Allagamenti in via Appia: nuove polemiche social per le caditoie ostruite e la mancanza di sistemi di captazione delle acque. Foto 70° compleanno Mario Cetro, gli auguri della famiglia Tentano di rubare in un negozio di Atripalda, denunciate due ventenni straniere per furto aggravato 25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione

Provincia di Avellino, D’Agostino vince il ricorso al Tar: Buonopane decade, si torna al voto

Pubblicato in data: 29/4/2022 alle ore:10:09 • Categoria: Politica

Il Tar di Salerno accoglie il ricorso di Angelo Antonio D’Agostino sulla elezione del presidente Rino Buonopane alla Provincia di Avellino per irregolarità delle votazioni. Si ritornerà a votare nei comuni con popolazione compresa tra tremila e cinquemila abitanti e 10 mila e 30mila abitanti. In tutto trenta enti locali tra cui Atripalda.

Il presidente Rino Buonopane decade, ma ha già annunciato ricorso al Consiglio di Stato con richiesta di sospensiva immediata che, in caso di accoglimento, lo lascerebbe alla guida dell’ente fino al giudizio di merito.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.