Flash news:   Abellinum: centomila euro dalla Provincia di Avellino per l’illuminazione notturna ed eventi di Natale Trentenne di Atripalda denunciato dai Carabinieri per possesso di un coltello a serramanico Caro bollette, fondi dal Comune per le famiglie in difficoltà: domande entro venerdì 9 novembre Dipendenza da consumo di droga, alcol ed episodi di bullismo tra i giovani: convegno al Comune. Foto Laceno d’oro International Film Festival al via ad Avellino Addio a Gerardo Bianco, padre dell’Ulivo e grande meridionalista Elezione Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: pronta la stanza per la nuova figura istituzionale con scrivania e bandiere. Foto Scontro in aula per l’elezione del Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: è Francesco Mazzariello. L’opposizione abbandona il parlamentino Caccia agli assegnatori morosi dei posteggi del mercato settimanale di Atripalda: revocate una decina di licenze Gestione del verde pubblico, il sindaco: «Puntiamo a prevedere, in base all’omogeneità degli interventi da fare, di dividere la città in più parti e dì sviluppare una serie di gare per gli affidamenti». foto

Stupore tra i fedeli ad Atripalda per il trasferimento del parroco della chiesa madre Don Fabio Mauriello

Pubblicato in data: 30/8/2022 alle ore:19:42 • Categoria: Attualità

Stupore e meraviglia  ad Atripalda alla notizia del trasferimento del parroco della chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire don Fabio Mauriello. Il giro di sedi dei sacerdoti della diocesi di Avellino deciso dal vescovo Arturo Aiello ha colto di sorpresa i fedeli della cittadina del Sabato che subito hanno postato su Facebook messaggi di ringraziamento, stima ma anche di forte stupore per la scelta decisa dal vescovo di trasferire l’amato don Fabio Mauriello, parroco della chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire, culla della cristianità in Irpinia per la presenza dello Specus Martyrum, alla chiesa di Monteforte Irpino. Al suo posto arriva don Luca Monti proveniente dalla parrocchia di Santa Lucia di Serino.
«Il nostro servizio pastorale ha bisogno di essere ripensato, non si tratta solo di “ricominciare” ma anche di riposizionare e riprogettare la nostra presenza a servizio del Vangelo» ha scritto il vescovo Aiello nel comunicato ai fedeli ringraziando i sacerdoti che si sono resi disponibili per questi avvicendamenti che si concretizzeranno nel mese di settembre.
Una notizia piombata in città mentre si appresta ad organizzarsi per festeggiare il Santo Patrono, San Sabino Vescovo, che proprio nella chiesa madre viene venerato dai fedeli il prossimo 16 settembre.
E don Fabio per fare chiarezza e confermare la notizia diffusa dal naturale passaparola, ha scritto sulla propria pagina di Facebook: «Care e cari fedeli e cittadini atripaldesi a macchia d’olio si sta diffondendo la voce di un mio trasferimento dalla parrocchia di Sant’Ippolisto alla comunità di Monteforte: è vero!. Scusatemi se vi avviso in questo modo ma la quasi contemporaneità del comunicato ufficiale da parte delle Autorità Ecclesiastiche mi spinge ad avvisarvi in questo modo. Mi conoscete bene, spero, e sapete che non amo essere freddo nel dire le cose. Ma mi premeva avvisarvi e chiedervi una preghiera per me e per colui che mi sostituirà: don Luca Monti dalla parrocchia di Santa Lucia di Serino. Noi preghiamo per voi. In questo momento mi preme solo avvisarvi di questo avvicendamento, ci saranno aggiornamenti sui tempi e i modi in cui il tutto si realizzerà».
Proprio don Fabio aveva “moderato” a giugno scorso in campagna elettorale il primo confronto tra i tre candidati alla carica di sindaco che si erano ritrovati per la prima volta insieme a contrada Alvanite. E don Fabio aveva augurato loro «una bella competizione elettorale che si svolga in un clima sereno, disteso e costruttivo».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.