domenica 14 luglio 2024
Flash news:   Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore Nuovi rinforzi per la sicurezza dell’Irpinia: 13 Carabinieri assegnati al Comando Provinciale di Avellino L’Us Avellino ingaggia il portiere Antony Iannarilli 45enne di Atripalda acquista un motocoltivatore su internet ma è una truffa  A Mongève Giuseppe Calabrese primo italiano a tagliare il traguardo

Lavori di riqualificazione della palestra comunale annessa alla nuova scuola media Masi: cambio nell’ufficio di progettazione

Pubblicato in data: 1/11/2022 alle ore:13:42 • Categoria: Attualità

Cambio nell’ufficio di progettazione per i lavori di riqualificazione architettonica, funzionale e messa in sicurezza della palestra scolastica comunale annessa al plesso “Masi” di Atripalda.
Un intervento per il quale il Comune del Sabato ha incassato mesi fa un contributo pari a 979.117,58 euro per la realizzazione dell’opera. Da qui la necessità di modificare e implementare l’ufficio di progettazione, direzione dei lavori ed esperimento delle attività tecniche con le seguenti professionalità interne all’Ente: il geometra dell’Utc Felice De Cicco, responsabile del II Settore Lavori Pubblici e Manutenzione, ricoprirà il ruolo di responsabile dell’attività di programmazione della spesa e Responsabile Unico del Procedimento; il geometra Stefano Mazza del II Settore Lavori Pubblici e Manutenzione di Palazzo di città collaboratore al Rup, l’ingegnere Vincenzo Russo del II Settore Lavori Pubblici e Manutenzione sarà verificatore e supporto alla validazione del progetto ed infine l’architetto Giuseppe Cocchi, funzionario presso l’Ufficio Tecnico Comunale, sarà funzionario addetto alle attività di predisposizione e controllo delle procedure di bando, delle procedure di esecuzione dei contratti pubblici.
La riqualificazione della palestra annessa al complesso scolastico si va ad aggiunge al più vasto progetto di ammodernamento della scuola media di via Pianodardine, che vede finanziato, per cinque milioni di euro, anche l’intervento di demolizione e ricostruzione del blocco aule della scuola secondaria di primo grado.
Il progetto di “adeguamento sismico, efficientamento energetico e incremento dell’attrattività del plesso scolastico Raffaele Masi” finanziato dalla Regione Campania per un totale di 4.694.575,52 euro prevede la demolizione dell’attuale corpo aule e la sua ricostruzione in modo da ottenere un edificio pienamente rispondente ai moderni criteri antisismici e alle attuali richieste in termini di risparmio energetico e di fruibilità degli spazi.
La nuova struttura che si realizzerà nello stesso spazio in cui è ubicato oggi il corpo aule mira ad ottenere un importante miglioramento dal punto di vista della sicurezza e la piena funzionalità dell’edificio in caso di calamità naturali. Il progetto intende garantire il massimo efficientamento energetico mediante la realizzazione di un cappotto termico, l’installazione di un impianto fotovoltaico sul tetto e, la realizzazione di impianti tecnologicamente avanzati e l’opportuno orientamento delle pareti finestrate. Durante i lacori, che aprtiranno nel mese di dicembre, gli alunni della media “Raffaele Masi” saranno trasferiti temporaneamente nei locali dell’ex Centro Pmi di via San Lorenzo con un canone di locazione di 180mila  euro anno.
Per procedere invece alla riqualificazione architettonica e funzionale della palestra annessa alla scuola media, l’ufficio tecnico di piazzetta Pergola ha puntato più ad un adeguamento sismico della struttura già esistente, piuttosto che ad un intervento di demolizione e ricostruzione. Il costo è pari a 980mila euro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *