venerd� 19 luglio 2024
Flash news:   Violento incidente tra due auto ieri sera sulla Statale Settebis Cambi e riorganizzazione della pianta organica al Comune di Atripalda Dolore e commozione per l’ultimo saluto all’ex consigliere comunale Emilio Moschella Atripalda, appuntamento con cinema e teatro: “Rive incantate lungo il fiume” Il torrente Salzola si tinge di rosa: nuovi scarichi abusivi nel tratto che attraversa Atripalda Il Presidente della Repubblica ha concesso la grazia al dottore Carlo Iannace Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello”

Apre il cantiere per la demolizione e ricostruzione della scuola media Masi

Pubblicato in data: 1/2/2023 alle ore:15:13 • Categoria: Attualità

Apre il cantiere per la demolizione e ricostruzione della vecchia scuola media “Raffaele Masi” di Atripalda.
A quindici giorni dalla ripresa delle lezioni per gli alunni della secondaria di primo grado nelle nuove aule ubicate al primo piano dell’ex centro Pmi di via San Lorenzo, si lavora in via Pianodardine all’allestimento del cantiere. Gli operai hanno proceduto a recintare le aree esterne. Poi si procederà, prima dell’abbattimento del vecchio plesso scolastico, al suo svuotamento.

A disposizione c’è un finanziamento da 6,5 milioni di euro. Il cantiere in via Pianodardine è iniziato il 27 novembre, data di proroga relativa alla parte di finanziamento per l’efficientamento energetico della scuola.
L’assessore con delega alla Pubblica Istruzione Lello Labate spiega: «stiamo per iniziare il cantiere per la costruzione della nuova Masi. Il cantiere nei fatti è stato aperto lo scorso 27 novembre. Ora gli operai hanno recintato l’area. Si procederà primo allo svuotamento e poi all’abbattimento della vecchia scuola».
Ad aggiudicarsi i lavori è stato il “Consorzio Policost”, con sede legale a Roma in piazza del Popolo per un totale di 4.694.575,52 euro.
L’intervento prevede la demolizione dell’attuale corpo aule e la sua ricostruzione in modo da ottenere un edificio pienamente rispondente ai moderni criteri antisismici e alle attuali richieste in termini di risparmio energetico e di fruibilità degli spazi.
L’assessore traccia anche un primo bilancio sulla nuova e provvisoria sede della scuola secondaria di primo grado in via San Lorenzo. Due settimane trascorse per i 350 alunni nelle nuove aule del plesso ubicato nell’ex centro Pmi.

«Un bilancio positivissimo – dichiara l’assessore -. Siamo felici della nuova ubicazione, come lo sono i docenti che stanno lavorando bene in un posto sicuro. In queste prime due settimane di trasferimento è sparito l’ingorgo di auto che si creava lungo via Pianodardine, e la nuova ubicazione in via San Lorenzo ha superato bene anche la prova del giovedì mattina quando a parco delle Acacie si svolge la fiera settimanale. Non si è registrato il problema traffico, tanto temuto». Labate poi rinnova un invito ai genitori che accompagnano gli alunni a scuola «di parcheggiare nelle aree di sosta che ci sono anche all’esterno del supermercato. Alcuni infatti parcheggiato sotto l’ingresso alla scuola, a volte bloccando un po’ la circolazione».
L’assessore infine non nasconde la contentezza per come si è svolto l’Open Day nella sede di via San Lorenzo «è andato molto bene. Ora attendiamo di conoscere i risultati delle iscrizioni. La cosa che mi preme sottolineare – e conclude – è che si mette fine al terrorismo e blocco psicologico nei confronti delle famiglie che debbono iscrivere i figli alla scuola secondaria di primo grado. Per due anni c’è stata una grande incertezza sul futuro dell’istituto. Ora con la nuova sede abbiamo restituito dignità alla Masi».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *