sabato 13 luglio 2024
Flash news:   Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore Nuovi rinforzi per la sicurezza dell’Irpinia: 13 Carabinieri assegnati al Comando Provinciale di Avellino L’Us Avellino ingaggia il portiere Antony Iannarilli 45enne di Atripalda acquista un motocoltivatore su internet ma è una truffa  A Mongève Giuseppe Calabrese primo italiano a tagliare il traguardo

Aumenti sosta, l’opposizione attacca: «Non vero che c’è la necessità di coprire il costo dei parcometri»

Pubblicato in data: 1/3/2023 alle ore:19:55 • Categoria: Politica

«Non è assolutamente vero che c’è la necessità di coprire e ammortizzare finanziariamente il costo dei parcometri». A ribadirlo con forza ieri in conferenza stampa è l’ex sindaco Giuseppe Spagnuolo. Insieme ai consiglieri del gruppo “Atripalda Futura” Anna Nazzaro e Mirko Musto, l’ex fascia tricolore nell’aula consiliare ha puntato a fare chiarezza sul provvedimento di aumento della tariffa della sosta. Una scelta che secondo la minoranza danneggia i cittadini «mentre l’amministrazione non si assume neanche la responsabilità di quello che fa perché non appena viene contestata prova a scaricare sugli altri le responsabilità». Sotto accusa finisce la motivazione addotta dalla maggioranza per giustificare gli aumenti «L’intervento di sostituzione dei parcometri fatto con la mia amministrazione è stato effettuato con un impegno di spesa già interamente coperto con fondi provenienti dalla sicurezza stradale. Non occorre neanche un euro in più di nuove entrate per coprire i costi di quell’acquisto».
Contesta la mancata partenza dell’App e dei sensori installati «non c’è la volontà di completarlo mentre l’amministrazione vuole gettare solo fumo negli occhi per giustificarsi» e invita l’amministrazione «ad assumersi la responsabilità». Per l’ex fascia tricolore la verità è un’altra «quest’amministrazione ha necessità di reperire fondi per coprire i costi che hanno immaginato per la società partecipata che si sono intestarditi a portare avanti che si occuperà anche del controllo della sosta sostituendo i vigilini, che oggi costano in tutto 46mila euro all’anno, mentre la municipalizzata costerà 600mila euro annui. Questa è la motivazione nel dovere innalzare le tariffe. Altrimenti il Piano economico finanziario, che fa giù acqua da tutti le parti, non si reggerà». Teme che a breve ci saranno anche aumenti nelle tariffe dei servizi cimiteriali «un’altra delle entrate previste per coprire i costi della municipalizzata».
Rivendica di aver sempre operato nell’interesse generale «per offrire servizi a costi sempre contenuti alla città, rispettando la storia della città mentre loro la calpestano a favore di interessi particolari». E denuncia sull’ambiente «non si fanno scrupolo di aver varato un programma a danno del verde cittadino come i lecci in piazza che si stanno potando in maniera drastica e si parla che saranno spostati mentre molti platani in via Appia e a piazza Giovanni XXIII sono stati segnati con x rosse. Spero di essere smentito che alcuni di loro non saranno eliminati per qualche mezzo posto di auto in più o perché danno fastidio a qualche attività». L’altro esempio che porta è «quello che è successo con l’associazione Irpinia Corre mortificando la storia e passione di un gruppo di sportivi atripaldesi che hanno portato in città la corsa podistica da 10 km, mentre adesso si è decisa di affidarla ad un’altra associazione. In pochi mesi l’amministrazione sta mettendo in campo azioni per smantellare quanto di buono c’era in città». Infine accende i fari anche su quanto accaduto alla Protezione civile «non c’è un coordinatore che sarà nominato prima del Giro d’Italia è stato detto. Questo la dice lunga che la protezione civile è stata derubricata ad un gruppo di steward. E si procede anche a smantellare la sede per portarla in piazza Garibaldi, in un locale più angusto con ulteriori problemi di parcheggio nel centro storico». Concetti ribaditi anche dagli ex assessori Musto e Nazzaro «invitiamo nuovamente l’amministrazione a ravvedersi e a tornare sui propri passi se le motivazioni addotte erano questa ipotetica necessità di coprire finanziariamente i parcometri e quella sulle polveri sottili, entrambe non vere».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *