gioved� 25 luglio 2024
Flash news:   Rapina ad Atripalda, sequestro di persona e lesioni personali aggravate: 4 arresti Rapina, sequestro di persona e lesioni personali aggravate: i Carabinieri danno esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare a carico di 4 indagati Evade dai domiciliari: 31enne di Atripalda arrestato dai Carabinieri Atripalda in lutto: oggi l’addio ad Angela Romano de “I Sognatori” Violento incidente tra due auto ieri sera sulla Statale Settebis Cambi e riorganizzazione della pianta organica al Comune di Atripalda Dolore e commozione per l’ultimo saluto all’ex consigliere comunale Emilio Moschella Atripalda, appuntamento con cinema e teatro: “Rive incantate lungo il fiume” Il torrente Salzola si tinge di rosa: nuovi scarichi abusivi nel tratto che attraversa Atripalda Il Presidente della Repubblica ha concesso la grazia al dottore Carlo Iannace

L’affondo di Ardolino: “giunta comunale di Atripalda, soltanto sprechi e gestione poco trasparente” 

Pubblicato in data: 4/3/2023 alle ore:15:09 • Categoria: Politica
“La giunta Spagnuolo getta la maschera e mostra il suo vero volto: sprechi di denaro pubblico, indennità portate ai massimi consentiti e gestione poco trasparente”. Così Giovanni Ardolino, sindacalista e coordinatore del movimento “Irpinia Adesso”.
“Il finto volto buono del sindaco del Pd – prosegue il dirigente della sigla di impegno civile – è servito ad ingannare i cittadini atripadaldesi, che dopo 5 anni di nulla dell’altro Spagnuolo, erano disposti a votare chiunque. In soli 7 mesi sono stati buttati alle ortiche 500 mila euro tra feste e balletti ed è tutto pronto per creare il nuovo carrozzone clientelare della municipalizzata, che servirà a pagare l’ennesimo “debito elettorale” fatto dal sindaco e i suoi adepti nella scorsa campagna elettorale. Il cambio di passo promesso non c’è, anzi di torna a metodi politici di 30 anni fa. Fin da subito è stato chiaro che il primo cittadino sarebbe stato un dominus assoluto, seguito come un’ombra dal suo vice sindaco che trova il tempo di gestire questioni che nulla hanno a che vedere con gli interessi generali della comunità, ma soltanto a mantenere e consolidare il potere, accontentando gli amici. Gli altri assessori e consiglieri fanno solo da comparsa e alzano la mano per approvare i progetti elaborati”.
“Sinceramente – conclude Ardolino – mi aspettavo molto di più, ma quando si antepone la propria carriera politica e i propri interessi economici al bene della collettività questi sono i risultati. Finanche il futuro dei nostri figli è stato mortificato, relegando una scuola media in un supermercato, credo non ci siano precedenti in Italia: la formazione scolastica messa sullo stesso scaffale di una qualunque merce . Ma evidentemente anche questo è un pegno che l’amministrazione ha dovuto pagare. Mi auguro che per il bene di Atripalda ci sia una presa di coscienza da parte dei cittadini in primis e da parte delle minoranze poi, queste ultime apparse fin troppo remissive nei primi mesi della nuova consiliatura. Troppo le questioni non ancora affrontate: l’emergenza abitativa, con tante famiglie prese in giro da false promesse di assegnazione; l’inquinamento crescente di cui non viene mai fatta menzione; la mancanza di pubblico decoro in una città invasa da deiezioni canine ed erbacce”.
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *