sabato 13 luglio 2024
Flash news:   Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore Nuovi rinforzi per la sicurezza dell’Irpinia: 13 Carabinieri assegnati al Comando Provinciale di Avellino L’Us Avellino ingaggia il portiere Antony Iannarilli 45enne di Atripalda acquista un motocoltivatore su internet ma è una truffa  A Mongève Giuseppe Calabrese primo italiano a tagliare il traguardo

Scuola media Masi, dopo mesi di attesa consegnati i locali dell’ex centro Pmi da adibire a laboratori

Pubblicato in data: 1/11/2023 alle ore:23:15 • Categoria: Attualità

Arriva finalmente la consegna alla scuola media “Masi” dei locali del seminterrato dell’ex centro Pmi di via San Lorenzo da adibire a laboratori per gli alunni.
«Stamattina (ieri ndr.) alla dirigenza scolastica sono stati consegnati i nuovi locali che consentiranno agli alunni di svolgere ulteriori attività – illustra l’assessore all’istruzione Lello Labate -. Questo progetto, tra l’altro approvato in consiglio comunale anche con il voto favorevole di un consigliere di minoranza, dimostra che sulla scuola non ci siamo mai fermati, anzi quotidianamente ci impegniamo a garantire agli studenti la migliore esperienza possibile».
Il parlamentino cittadino un mese fa aveva dato il via libera al permesso di costruire in deroga agli strumenti urbanistici per adeguare i locali del seminterrato dell’ex centro Pmi di via San Lorenzo a laboratori per gli alunni della “Masi”.
L’ex centro Pmi di via San Lorenzo dallo scorso mese di gennaio è infatti la nuova e provvisoria sede della scuola secondaria di primo grado. Gli studenti, collocati con le aule al primo piano dello stabile, potranno ora disporre anche di tre nuovi laboratori e uno spazio multiuso per momenti ludici o per svolgere soprattutto attività fisica. Laboratori attesi da dieci mesi dagii alunni e dal corpo docente.
Contemporaneamente l’amministrazione stia seguendo anche i lavori di ricostruzione della nuova scuola Masi in via Pianodardine, dove era collocato il vecchio edificio demolito nel mese di agosto.
«Per la Nuova Masi abbiamo dovuto attendere il parere dell’Arpac per la notevole quantità di terra da smaltire e da giovedì prossimo il cantiere sarà di nuovo operativo» conclude l’assessore. L’intervento di demolizione e ricostruzione, per un importo totale di 4.694.575,52 euro, fondi incassati dalla precedente amministrazione, prevede la realizzazione di un nuovo edificio pienamente rispondente ai moderni criteri antisismici e alle attuali richieste in termini di risparmio energetico e di fruibilità degli spazi.
Riapre invece al pubblico domani 2 novembre la biblioteca comune “Leopoldo Cassese”. L’edificio ubicato nella villa comunale “Don Giuseppe Diana” è stato interessato in questi giorni dal completamento dell’intervento di efficientamento energetico con la rifinitura delle opere interne di riqualificazione con la realizzazione delle controsoffittature in cartongesso.
La Casa della Cultura grazie a questo intervento presenta nuovi infissi, l’installazione dei pannelli fotovoltaici nonché una nuova caldaia.
L’importo complessivo dell’intervento è stato di 251.734,68 euro, fondi incassati dall’amministrazione rispondendo ad un avviso del Ministero della Transizione Ecologica.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *