alpadesa
  
Flash news:   Tre contrade ad Atripalda nel degrado tra proteste e polemiche sui social. Foto Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia

Alvanite, al via oggi le attività pomeridiane per gli studenti

Pubblicato in data: 25/1/2010 alle ore:14:00 • Categoria: Comune

alvanite1Partiranno oggi pomeriggio le prime attività pomeridiane socio – culturali per gli studenti delle scuole elementari e medie di contrada Alvanite. L’iniziativa è stata organizzata dall’Amministrazione comunale, su richiesta del Comitato di Quartiere e vede impegnati un gruppo di docenti atripaldesi di primo piano. Oltre all’ assessore Giacomo Foschi e al delegato al quartiere Nancy Palladino, un ruolo fondamentale nell’organizzazione delle attività è stato svolto dalle insegnanti Rita Noce e Lina Napoletano che hanno coinvolto gli insegnanti nel progetto. Tantissime le attività previste, dall’educazione artistica con il professore Carrarelli all’educazione fisica con il professore Grimaldi, soltanto per citare due insegnanti coinvolti. Le attività si svolgeranno nel Centro sociale “Piscopo” e nella tendostruttura di contrada Alvanite. «Questa iniziativa ci consentirà di rafforzare un rapporto di vicinanza e di collaborazione con il quartiere – ha spiegato la professoressa Noce nel corso della presentazione delle attività, sabato scorso nel centro sociale Piscopo – i bambini di questo quartiere devono sentirsi parte integrante della comunità atripaldese, allo stesso modo dei loro genitori. Non vogliamo che Alvanite sia menzionata soltanto per episodi di microcriminalità e povertà».
«Abbiamo lanciato una nuova sfida verso l’integrazione del quartiere – ha detto il sindaco Laurenzano – ognuno deve sentirsi legato al suo territorio. Mi auguro che le iscrizioni continuino ad aumentare e coinvolgano tutte le famiglie del quartiere». Stessa idea anche per la consigliera delegata Palladino: «Ringrazio i docenti che hanno aderito all’iniziativa, abbiamo tagliato un traguardo importante che inseguivamo da molto tempo». I docenti hanno preparato dei veri e propri programmi di recupero scolastico che saranno comunque adeguati alle esigenze di bambini e genitori.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Comune, al via il bando per la concessione di contributi a favore di inquilini morosi nel 2018

Misure di sostegno all’accesso alle abitazioni e al settore immobiliare per gli inquilini morosi incolpevoli. Il Comune di Atripalda ha Read more

Comune, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo denuncia: “Il mistero del supporto all’ufficio personale”

Un motivo di campagna elettorale completamente disatteso dagli attuali amministratori ha riguardato “la trasparenza”. A seguito delle note vicende giudiziarie Read more

Comune, pugno duro contro chi evade le tasse: mancano 800mila euro per la Tari. Il delegato Del Mauro: «Chi furbescamente non paga avrà il nostro fiato sul collo»

«Chi furbescamente non paga avrà il nostro fiato sul collo». Pugno duro della neo amministrazione guidata dal sindaco Geppino Spagnuolo Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *