alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia

Accusati di stupro di gruppo sul Terminio: quattro ragazzi, un atripaldese e tre avellinesi, a giudizio

Pubblicato in data: 20/10/2011 alle ore:09:27 • Categoria: Cronaca

aula-di-giustizia1Accusati di aver stuprato una ragazza affetta da disturbi della personalità avevano chiesto il rito abbreviato, ma il giudice per le udienze preliminare del Tribunale di Avellino ha respinto l’istanza: dovranno comparire in aul con il rito ordinario nel marzo dell’anno prossimo. Si tratta di 4 ragazzi: uno di Atripalda e gli altri tre di Avellino. Sono accusati di aver adescano nel luglio del 2008 davanti ad un bar una ragazza di 30 anni di Forino. Dopo averla convinta a salire in auto, la giovane fu portata sui tornanti del Terminio dove sarebbe avvenuto la violenza sessuale di gruppo. La 30enne fu derubata anche della borsa e del cellulare.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *