Flash news:   S’infiamma lo scontro sui nuovi parcometri, l’ex sindaco Spagnuolo accusa: «Pacco, doppio pacco e contropaccotto dell’attuale Amministrazione comunale» L’ex sindaco Gerardo Capaldo regala la storia della Dc alla biblioteca comunale di Atripalda. Foto Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda Passaggio a livello di via Appia: riunione tra Comune, Rfi e Regione Campania. Spagnuolo: “scelta la nostra proposta, sarà realizzato un ponte sopraelevato” Soppressione passaggio a livello di via Appia, Petracca: “risultato concreto, cosi siamo al fianco dei territori” Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 18 residenti nel comune di Atripalda Spagnuolo: «l’ex sindaco lasciò in regalo alla città un Comune sull’orlo del dissesto» Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore in città Assunzioni al Comune di Atripalda, l’affondo di Paolo Spagnuolo: «solo annunci roboanti»

23 novembre 1980, 33 anni dal devastante sisma che distrusse l’Irpinia

Pubblicato in data: 23/11/2013 alle ore:09:28 • Categoria: Cronaca

sisma-del-1980-ad-atripalda-via-belliSono passati 33 anni da quel disastroso 23 novembre in cui in devastante terremoto distrusse l’Irpinia ed Atripalda (Foto raccolte dalla Pro Loco: via Belli, via Roma e piazza Umberto). La forte scossa, di magnitudo 6.9 e del X grado della scala Mercalli, alle ore 19.35 colpì non solo la nostra regione ma anche parte della Basilicata. Interi comuni furono spazzati via in un cumulo di macerie che seppellirono 2.914 persone. Una magnitudo del momento sismico di circa 6,9, con epicentro tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza e Conza della Campania, causò circa 280.000 sfollati e 8.848 feriti.
Diverse le manifestazioni che ogni anno commemorano questo triste anniversario tra esposizioni fotografiche, incontri e solenni messe in ricordo dei caduti sotto le macerie. Ma non mancano nemmeno le polemiche tra chi dopo 33 anni denuncia la mancata ricostruzione di ciò che andò distrutto e i ritardi nell’adeguamento sismico di strutture pubbliche e private.

sisma-del-1980-ad-atripalda-via-romasisma-del-1980-ad-atripalda-piazza-umberto

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “23 novembre 1980, 33 anni dal devastante sisma che distrusse l’Irpinia”

  1. atripaldese ha detto:

    Speriamo che il prossimo sisma non faccia altrettanti danni

  2. nati' ha detto:

    questo dolore non scomparirà mai dalle menti di chi come me l’ha vissuto

  3. Nappo Carmela ha detto:

    atripaldese ma cosa scrivi non si dicono queste cose che hai detto che prossimo sisma deve fasre altri danni non lo pensare proprio perche io il terremoto lo ricordo molto meglio. Mi dispiace molto per le persone che hanno perso la vita. è molto bruto spero che non torni mai piu questo sisma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *