alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, arriva il giorno del contagio zero in Campania: 2485 i tamponi effettuati Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi ma i morti sono 88 Tamponi Us Avellino: sinergia tra club e Clinica Montevergine Ultimo giorno di scuola, il gruppo civico “IDEA Atripalda” propone di viverlo all’aperto Addio alla docente Lina Limongelli, cordoglio e commozione in città nel ricordo di Lello La Sala Stadio “Partenio-Lombardi” sanificato, da oggi i lupi riprendono gli allenamenti Niente mercato riaccorpato oggi a parco delle Acacie: il sindaco dispone la sospensione della fiera fino al 10 giugno. Peppino Innocente (Confesercenti): «Ci auguriamo che le cose non vadano per le lunghe» Coronavirus, il Consorzio dei Servizi Sociali A5 di Atripalda dona mascherine ai sordomuti irpini. Foto Coronavirus, si avvicina il contagio zero in Campania: uno solo il positivo oggi. In irpinia nessun contagio Coronavirus, oggi finisce il lockdown in Italia: 71 le vittime registrate nelle ultime 24 ore

Codice Rosso, la Protezione Civile di Atripalda nelle scuole di Lapio

Pubblicato in data: 18/5/2010 alle ore:12:35 • Categoria: Attualità

codice-rosso-lapioAl via questa mattina presso l’Istituto Comprensivo “G. Di Feo” di LapioCodice Rosso” il progetto ideato dalla Polizia Municipale di Atripalda con il patrocinio della Provincia di Avellino, comune capo fila dei comuni di San Mango, Candida, Chiusano, Cesinali, Aiello, Santo Stefano del Sole, Salza Sorbo Serpico e Lapio. Presente alla manifestazione il sindaco, professor Ubaldo Reppucci, il quale per volontà della sorte, ha ritrovato dopo trentaquattro anni, nel ruolo di docente, un suo vecchio alunno dell’Istituto Tecnico Industriale “G.Dorso” di Avellino, Carmine D’Agostino, oggi agente di polizia locale del Comune di Atripalda. Presenti in sala oltre 97 alunni delle scuole primarie e secondarie di Lapio, il corpo docente e il gruppo di Servizio Civile: Angela Lepore, Eva Romano, Luana Mottola e Maria Raffaella Rossi.
L’apertura del corso è stata dedicata al volontariato, attraverso la proiezione del video ideato dalla Polizia Municipale di Atripalda “Il ricordo di ieri, la solidarietà e il volontariato di oggi verso la popolazione dell’Abruzzo.” Il messaggio di questo progetto è quello di educare gli alunni sulla Protezione Civile, e prepararli a fronteggiare le situazioni di pericolo senza farsi prendere dal panico. Essere nel contempo da porta voci nelle loro famiglie attraverso le indicazioni recepite, e informarle di tutto ciò che l’Amministrazione Comunale sta preventivando in caso di eventi calamitosi. Far conoscere i rischi presenti sul territorio dove loro vivono, riuscire a conoscere e informarsi, per sapere come organizzarsi per affrontare eventuali momenti di crisi, in modo sicuro.
Questa iniziativa di informazione ed educazione nelle scuole primarie e secondarie è nata, proprio per mostrare a questi giovani del domani, attraverso delle slide video, i rischi del territorio comunale, illustrando agli stessi i punti di raccolta, di ricovero, le aree di sosta per i soccorsi esterni, le aree di tendopoli e le aree per eli-soccorsi previste nel piano di Protezione Comunale tutto ciò al fine di porli nelle condizioni di fornire risposte precise, ed autonomi per fronteggiare situazioni di emergenza in attesa dell’arrivo dei soccorritori professionali. Agli stessi, sarà indicato il sistema di auto protezione guidato, volgendo però il primo sguardo fisso alla cosiddetta “fascia debole” la quale va aiutata per come fronteggiare le fasi, prima, durante e dopo l’evento distruttivo, informando loro su tutte le modalità di avviso e di allarme previste dai Piani, sui percorsi d’evacuazione e sulle aree sicure dove si potrà trovare riparo. Si punterà, oltre a far conoscere bene i rischi che possono interessare il territorio dove si vive, ad illustrare la segnaletica usata nella protezione civile, nonché a far conoscere;
a) le informazioni contenute nel Piano Comunale di Protezione Civile;
b) le comunicazioni relative all’attività di previsione e prevenzione della Protezione Civile;
c) le informazioni indirizzate ai cittadini dalla Protezione Civile quando un’emergenza è in atto.
Consigli utili che potranno contribuire a minimizzare i pericoli nelle situazioni di emergenza ed a proteggere, con più efficacia, se stessi e le proprie famiglie. Al progetto parteciperanno i volontari della Misericordia di Lapio , con i quali si organizzerà per venerdì 21 maggio presso l’Istituto Comprensivo “G. Di Feo” Lapio una prova di evacuazione, che chiuderà il ciclo delle lezioni.
La prova di evacuazione e le lezioni saranno tenute dall’operatore di Polizia Municipale di Atripalda Carmine D’Agostino.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Polizia municipale, finisce nel mirino di “Impresa Diretta” la determina del progetto “Atripalda Si…cura” sui vigili urbani in strada di notte

Finisce nella bufera la determina di liquidazione al personale della Polizia municipale del progetto "Atripalda Si...cura" per l'anno 2013. A Read more

Polizia municipale, in arrivo due nuove auto. FOTO

Considerata la mole di lavoro di un territorio vasto come quello della cittadina del Sabato, gli agenti del Comando della Read more

Mobilità volontaria Polizia Municipale, ecco l’esito della valutazione per l’ammissione al colloquio di assegnazione di 2 posti

Mobilità volontaria Polizia Municipale, ecco l'esito della valutazione per l'ammissione al colloquio propedeutico alla selezione dei candidati per la copertura Read more

Eventi estivi, la Polizia Municipale predispone piani traffico alternativi

Sport, eventi religiosi, allestimento bancarelle e intrattenimenti musicali caratterizzeranno la seconda sezione del mese luglio in Città. In programmazione, da Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *