alpadesa
  
Flash news:   Viola l’ordinanza di affidamento condiviso delle figlie minori: assolta madre atripaldese Coronavirus, 2 nuovi positivi ad Atripalda e 69 contagiati in Irpinia Stop all’uso delle acque del torrente Fenestrelle inquinato, scatta l’ordinanza sindacale ad Atripalda Verifica e salvaguardia degli Equilibri di bilancio 2020.2022, si torna in Consiglio ad Atripalda lunedì 7 dicembre Coronavirus, sono 109 le persone positive in Irpinia oggi: 2 ad Atripalda L’opposizione solleva una pregiudiziale sui ritardi nella messa a disposizione degli atti consiliari e salta l’assise comunale ad Atripalda. Foto Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi

L’asse Partito Democratico-Italia Viva elegge il sindaco di Serino Vito Pelosi alla guida del Consorzio dei Servizi Sociali A5 di Atripalda

Pubblicato in data: 15/10/2020 alle ore:08:18 • Categoria: Attualità, Politica

L’asse Partito Democratico-Italia Viva elegge il sindaco di Serino Vito Pelosi alla guida del Consorzio dei Servizi Sociali A5 di Atripalda.
Il nuovo Consiglio di Amministrazione, riunitosi per la prima volta ieri pomeriggio presso la sede di via Belli, ha eletto con otto voti a favore e due astensioni (Atripalda e Venticano) il neo presidente che succede all’uscente Nancy Palladino che vede sfumare la rielezione. Resterà in carica per tre anni, a meno che non perda la carica di amministratore locale come sindaco o consigliere comunale.
«Ringrazio tutti per la fiducia che mi è stata accordata – commenta a caldo dopo l’elezione il neo presidente Vito Pelosi -.Raccolgo e vado a guidare un Cda di un Piano di Zona che è virtuoso in regione Campania, uno dei primi se non il primo in termini dei servizi erogati e di spesa. Un consorzio che va magari accompagnato con maggiore attenzione sui territori perché viviamo in un periodo difficile dal punto di vista sociale con molti disagi per le famiglie. In questo frangente il Consorzio dei servizi sociali assume una maggiore importanza. Per cui dovremo garantire sempre più maggiore presenza sui territori. Questo è quello che mi immagino. Nei prossimi giorni terrò una riunione con il direttore e i dipendenti per continuare questo lavoro che già è proficuo».
Ad analizzare l’esito del voto il sindaco di Solofra, Michele Vignola: «Il Cda ha presentato una sola candidatura che è avvenuta all’unanimità che è un ottimo segnale per un Consorzio che a distanza di meno di dieci giorni dall’assemblea dei sindaci che si è tenuta lunedì della scorsa settimana è riuscito subito ad eleggere il presidente. Vorrei sottolineare che l’assemblea dei sindaci si era chiusa all’unanimità, 27 voti su 27., per eleggere il Cda. Non era nemmeno facile per i dieci componenti che si votano negli ambiti territoriali. Questo consorzio è un punto di riferimento a livello regionale tanto da essere preso a modello dalla stessa Regione Campania per l’efficienza dei servizi che eroga tant’è che anche i comuni membri sono soddisfatti delle prestazioni rese sui propri territori. Dimostra inoltre anche di avere capacità di guida politica perché ormai da tempo usciamo all’unanimità con le votazioni garantendo anche un avvicendamento delle presidenze che consente anche una rappresentatività della figura apicale sui territori. Ma il CdA non solo vota all’unanimità quando si tratta di votare i vertici, che è quella l’operazione politicamente più complicata, ma poi nel corso del mandato noi lavoriamo sempre all’unanimità. Nel ringraziare il presidente uscente Nancy Palladino per il buon lavoro svolto, la logica è stata quella di consentire un avvicendamento che non cambia la sostanza. Il sindaco di Serino rappresenta il punto di sintesi tra le due forze politiche presenti nel Cda, il Partito democratico e Italia Viva. E’ un buon viatico per i prossimi passaggi. Siamo  appena usciti dalle elezioni regionali e la coalizione che ha vinto a questo primo appuntamento del Consorzio dei servizi sociali ha dimostrato di reggere benissimo alla prova. Un buon auspicio per i prossimi passaggi negli altri enti».
Il CdA del Consorzio, composto da 28 comuni con più di centomila abitanti, ha riconfermato come direttore generale Carmine De Blasio: «nel giro di dieci giorni sia il livello più alto dal punto di vista istituzionale, cioè l’assemblea dei sindaci, sia il CdA raggiugono un’intesa sulle soluzioni della governance politica-istituzione per tutto il consorzio è un fatto importante. Denota la consapevolezza che si ha a che fare con un ente che è il primo in regione Campania e che è modello per le altre province e per gli altri ambiti sociali. Quindi questo dà forza e consapevolezza anche a chi vi lavora che si tratta di impegnare sempre al massimo le proprie energie per dare le migliori risposte alle nostre comunità e ai nostri territori».
Il CdA è composto per il “Sub ambito 1” il vice sindaco di Venticano Mariairide Ianniciello, il vicesindaco di Lapio Pasquale Carbone e il sindaco di San Mango sul Calore Teodoro Boccuzzi. Per il “Sub ambito 2” il comune di Atripalda con l’assessore Nancy Palladino, il consigliere di Montemarano Nicola Marino, il consigliere comunale di Cesinali Gerardo Tirella e il sindaco di Sorbo Serpico Maria Teresa Fontanella. Infine per il “Sub ambito 3” i sindaci di Serino Vito Pelosi, di Solofra Michele Vignola e il consigliere comunale di Montoro Antonello Cerrato accompagnato dal sindaco Girolamo Giaquinto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *