venerd� 01 marzo 2024
Flash news:   Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina” Imbrattata ancora una volta la fontana di piazza a Umberto

Incidente stradale a Dolo (Ve), muore medico irpino. Stessa sorte toccò al fratello a dicembre

Pubblicato in data: 22/3/2010 alle ore:08:33 • Categoria: Cronaca

gennaro-bresciaDue fratelli e uno stesso tragico destino. E’ morto in un incidente stradale Gennaro Brescia, medico 48enne,  proprio come il fratello Michele deceduto nel mese di dicembre. L’uomo, originario di Flumeri, ha perso la vita in seguito ad uno schianto avvenuto sulla A4, nel comune di Venezia. Il fratello 46enne, colonnello della Guardia di Finanza, il 6 dicembre rimase coinvolto in un tragico incidente stradale sulla A24 nei pressi dell’uscita di Carsoli, in provincia de L’Aquila.

Da qualche anno Gennaro Brescia, medico sportivo della Giacomense, squadra delcampionato di Seconda Divisione, si era trasferito con la sua famiglia a Ferrara, dove svolgeva l’attività di ecografista presso la clinica privata di Venezia, dove si stava recando al momento del tragico impatto avvenuto sulla Serenissima a pochi chilometri dall’area di sosta di Arino Est. L’uomo ha perso il controllo dell’auto, probabilmente a causa di un malore, e si è schiantato contro il guardrail centrale dell’autostrada. L’urto ha innescato una terribile carambola terminata sulla corsia opposta, proprio sotto al cavalcavia di Arino. Per Brescia non c’è stato nulla da fare, è morto sul colpo.

Sconcerto e dolore a Flumeri per l’amaro destino che ha unito i due fratelli a distanza di pochi mesi. Tutta la comunità è vicina alla famiglia Brescia, alla moglie e ai due figli, una bambina di otto anni e un maschietto di soli tre anni.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *