alpadesa
  
Flash news:   Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani Alvanite, dopo le nuove polemiche interviene l’assessore al Patrimonio Del Mauro: «Il quartiere sconta almeno quindici anni di mancata manutenzione che certamente non si può imputare a quest’amministrazione. Noi stiamo facendo il possibile, ma non sono case con la scadenza, questa è una barzelletta» “Atripalda ricomincia a correre”, lettera d’amore alla città del decano dei commercianti Pasquale Pennella

Il premier Renzi in visita ai Feudi di San Gregorio. Foto e Video

Pubblicato in data: 28/10/2016 alle ore:16:40 • Categoria: Attualità, Economia

renzi-visita-lazienda-feudi-di-san-gregorio-avellino-2Inoccasione della tappa avellinese di mercoledì 26 ottobre il premier Matteo Renzi ha avuto modo di degustare la cucina irpina e di visitare una delle aziende vitivinicole di punta dell’Irpinia, di proprietà della famiglia atripaldese Capaldo.
Per pranzare in compagnia dell’onorevole Luigi Famiglietti, il sottosegretario Claudio De Vincenti, il presidente di Confindustria Avellino Sabino Basso, il Prefetto Carlo Sessa, l’imprenditore De Matteis, il manager Antonio Capaldo che guida l’azienda vitivinicola e ovviamente il Governatore Enzo De Luca, Renzi ha scelto uno dei locali premiati dalla guida Michelin, il ristorante Marennà dei Feudi di San Gregorio a Sorbo Serpico.

renzi-visita-lazienda-feudi-di-san-gregorio-avellino-1Prima di sedersi a tavola, però Renzi, guidato dal padrone di casa Antonio Capaldo, ha visitato l’azienda vitivinicola.
L’ex sindaco di Firenze e una ventina di ospiti, hanno poi pranzato in una saletta riservata del noto ristorante, lontano da occhi indiscreti prima di prendere parte all’appuntamento in Prefettura ad Avellino e poi al Teatro Gesualdo.

I commensali hanno potuto degustare un menu composto da salumi e formaggi irpini, seguiti da paccheri con i pomodorini di Montecalvo, brasato di vitello con crema di zucca, il tutto accompagnato dai vini dei Feudi di San Gregorio.
Poi prima di ripartire un selfie anche con i dipendenti e lo chef stellato Paolo Barrale.
Ecco il video della visita pubblicato da Palazzo Chigi su Youtube:

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Casa di Cura Santa Rita, la Cisl Fp Irpinia-Sannio denuncia: “stipendi in ritardo”

"Altro che anno nuovo vita nuova, presso la Casa di Cura Santa Rita di Atripalda ci risiamo nuovamente con i Read more

La Sicurezza va in cantiere, convegno alla Scuola Edile

Nell’ambito del progetto “La sicurezza va in cantiere” realizzato dal Coordinamento dei CFS della Regione Campania e dall’INAIL Campania, si Read more

Casa di Cura Santa Rita, la denuncia della Cisl-Fp: “ennesima beffa per i lavoratori, in busta paga solo metà stipendio”

Chiesto un urgente incontro con i vertici della casa di Cura Santa Rita di Atripalda per sbloccare e comprendere quali Read more

Sva-gruppo Capaldo, picchetto notturno dei lavoratori in sciopero

Picchetto notturno dinanzi ai cancelli della Capaldo Spa per i lavoratori della Sva, la società cooperativa della logistica impegnata in Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *