Flash news:   Atripalda Volleyball buona la prima, pari al test con il Marcianise Emerge amianto nel fiume Sabato, stop ai lavori di riqualificazione ambientale e apre il cantiere per la bonifica e rimozione dell’eternit Festival internazionale di artisti di strada “Giullarte”: in Irpinia rivive la magia di Notre Dame de Paris Primo giorno di scuola ieri per gli alunni dell’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” Amatori della Bici tra agonismo e nuovi progetti Avellino, parte la prevendita per la gara di Coppa contro il Nola Giullarte 2018, questa sera in Comune riunione con i commercianti per iniziative promozionali Chiusura Primaria Mazzetti, Sinistra Italiana Atripalda attacca: “decisione presa in ritardo. Solo una furbata per evitare la fuga degli iscritti?” Sidigas, la prima di campionato al Palacarrara di Pistoia Esordio con poker per la Calcio Avellino SSD

Cfs, Michele Di Giacomo alla guida della scuola edile di via San Lorenzo

Pubblicato in data: 15/9/2010 alle ore:08:55 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

presidente_michele_di_giacomoMichele Di Giacomo (foto) è il nuovo presidente della Scuola Edile irpina. La nomina all’interno del Consiglio di Amministrazione dell’organismo paritetico riunitosi, lunedì 13 settembre, presso la sede di Atripalda. 43 anni, di Contrada, il neo numero uno del Centro per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Avellino subentra all’uscente Antonio Turtoro.
Imprenditore edile di lungo corso, il presidente Di Giacomo è Amministratore Unico dell’Alba Srl, azienda che dal 1982 opera nel settore delle costruzioni, e ricopre la carica di Amministratore Delegato della Comir Srl, impresa di carpenteria metallica. Di spessore anche il suo curriculum istituzionale. Massima guida della Cassa Edile di Avellino nel triennio 2000-2003, ha ricoperto poi il ruolo di vicepresidente dell’Associazione Costruttori di Avellino dal 2003 fino a maggio 2010. Attualmente Di Giacomo è componente di Giunta di Confindustria Avellino, componente del Comitato di Presidenza di Ance Campania e del Consiglio Direttivo dell’Associazione irpina di via Palatucci ed, inoltre, è membro effettivo dell’Assemblea dei Delegati del Fondo Pensione Prevedi (Fondo pensione complementare per i lavoratori delle imprese industriali ed artigiane edili ed affini).
Formazione capillare ed incisiva e maggior dialogo con gli organismi istituzionali preposti a tutelare la salute nei luoghi di lavoro, questi gli obiettivi che caratterizzeranno il mandato presidenziale.
Porterò avanti una presidenza forte concentrata su una presenza fattiva ed una voglia di fare in grado di innalzare sempre più e con qualità i livelli formativi sul fronte della sicurezza negli ambienti di lavoro – afferma Di Giacomo -. Proprio su questo campo m’impegnerò affinchè aumentino le visite nei cantieri edili per lavorare in sicurezza attraverso uno spirito di grande apertura e collaborazione con gli Enti istituzionali, come ad esempio Inail, Ispettorato del Lavoro, Asl e Prefettura, che sul territorio provinciale operano sostanzialmente come noi per la diffusione della cultura della prevenzione degli infortuni sul lavoro. Ritengo che l’interazione ed il confronto con essi sia un elemento essenziale. Saremo dunque, come Scuola Edile, animati da senso compartecipativo perché l’interazione, l’impegno collettivo, inquadrato sempre in ottica costruttiva, può, a mio avviso, essere l’arma vincente per raggiungere gli obiettivi che si prefiggono“.
Altro tema prioritario: la formazione professionale. “Credo molto nella formazione in senso trasversale – spiega Di Giacomo – . Rappresenta un vettore fondamentale per aumentare i livelli di competitività interna delle aziende ed è, nel contempo, uno strumento indispensabile per fronteggiare momenti di crisi congiunturale. Per questo focalizzerò il mio lavoro nel diffondere in Irpinia una cultura della formazione seria, concreta che, partendo ovviamente dal tutelare l’integrità della vita lavorativa che ogni giorno vivono i nostri operai nei cantieri, allarghi i propri orizzonti verso proiezioni didattiche di maggior respiro capaci di rafforzare, con un qualificato background professionale, l’agonismo del nostro sistema imprenditoriale e manageriale“.
Con la nomina di Michele Di Giacomo alla presidenza, cambia anche il nuovo asset del CdA dell’Ente paritetico. Entrano come nuovi consiglieri dell’organo collegiale: Carmine Mainiero, Massimo Toriello e Domenico Lo Conte. Riconfermati, invece, i consiglieri Paolo Foti, direttore dell’Ance di Avellino, e Giacomo Amoroso mentre Fulvio Pirchio sarà di nuovo vicepresidente dell’Ente di Atripalda.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it