Flash news:   Lotta all’evasione tributaria, il Comune avvia un censimento sulle utenze non domestiche per la Tari Sgominata dai Carabinieri pericolosa banda dedita ai furti di auto: oltre 30 quelle rubate La Sidigas Scandone saluta la città Stasera al via la XII edizione del “Memorial Simone Casillo” Si ferma ai quarti di finale play off la stagione della Sidigas Avellino Costerà oltre 26mila euro la nuova installazione dell’autovelox sulla Variante 7bis Vittoria con il cuore a Terni: l’Avellino è salvo “Ambiente Territorio Salute”, tavola rotonda nel ricordo di Biagio Venezia domani al liceo atripaldese Nasce “Diver-T9”, la manifestazione per ricordare Tosco Alberto Matarazzo. Domani la I edizione Alla Sidigas Scandone Avellino non riesce il colpo esterno in Gara3

Antica Abellinum, la Cgil aderisce alla mobilitazione del 9 giugno

Pubblicato in data: 2/6/2011 alle ore:08:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

cgilLa CGIL di Avellino aderisce all’iniziativa e sostiene l’azione del comitato Pro Abellinum che si sta battendo per restituire alla collettività un importante sito storico ed archeologico. Il sindacato di via manna sarà al fianco delle istituzioni, dei promotori del comitato Pro Abellinum e dei cittadini, in occasione della manifestazione di giovedì 9 giugno prossimo, che si svolgerà ad Atripalda nei pressi degli scavi archeologici.
E’ singolare che ancora una volta, un patrimonio di inestimabile valore storico ed architettonico, finisca nelle mani dei privati, senza che vi sia la possibilità di vincolarlo ad uso pubblico e salvaguardarne la conservazione – spiega Vincenzo Petruzziello, segretario provinciale della CGIL di Avellino – noi ci schieriamo con il comitato Pro Abellinum sostenendone l’azione affinché si possano restituire gli scavi ed il loro valore storico all’intera comunità irpina. La vicenda degli scavi di Atripalda – aggiunge Petruzziello – fa il paio a quella della Dogana di Avellino. Occorre imboccare una strada nuova nella gestione del patrimonio storico della provincia di Avellino, non arrivando più a situazioni di contrapposizione, ma assicurando ad una proprietà e ad una gestione pubblica i tesori d’Irpinia, o almeno chiamando i privati a concorrere alla gestione, sempre garantendo alla comunità ed al pubblico, la fruizione dei beni architettonici e archeologici. Auspichiamo – conclude Petruzziello – che il movimento di opinione e la partecipazione di una intera comunità possano garantire il recupero e la fruizione del bene“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche Mercoglianonews.it