Flash news:   Il terzino Lorenzo Betti si unisce alla Calcio Avellino SSD Lavori in centro con divieti di sosta e segnalazioni dalle periferie della città. FOTO Auguri di buon compleanno a Roberto Angiuoli Contributo buono libri per tutti gli studenti atripaldesi della media e del liceo: ecco le modalità per la richiesta L’Avellino rimonta e vince contro l’Anzio La Sidigas Scandone Avellino cede il passo alla capolista Murcia per 57-63 Questione migranti, l’assessore Nancy Palladino risponde a Sinistra Italiana Atripalda: «andrò avanti per realizzare il sistema di accoglienza migranti ex Sprar, oggi Sipriomi. Condivisibili le critiche ma per la disubbidienza è prematuro» Così non va – Sos dai residenti di via Pianodardine Sabino Morano è il nuovo portavoce provinciale della Lega ad Avellino Attentato terroristico a Nairobi, illeso l’avvocato atripaldese Danilo Desiderio: «Stavo passando di lì quando ho sentito un boato»

Dogana dei Grani, al via la mobilitazione della Pro Loco di Atripalda per l’orologio

Pubblicato in data: 6/11/2018 alle ore:09:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Una petizione per far risuonare le campane dell’orologio della Dogana de Grani di Atripalda. A lanciarla dalla propria di Facebook è la Pro Loco Atripaldese con il presidente Lello Labate che utilizzando gli hashtag “La nostra Storia”, “Ridateci i nostri suoni” e “L’Orologio della Piazza” ha riacceso i riflettori sullo storico edificio che fa da proscenio a piazza Umberto.
«Più che altro vuole essere un sollecito a ripristinare l’orologio della Dogana, il simbolo della piazza – racconta il promotore Lello Labate -. Il non sentirlo risuonare da più di due anni ci spinge a chiedere e sollecitare chi di dovere a ripristinarne il suono che sicuramente appartiene alla città e a ogni cittadino atripaldese».
La Pro Loco Atripaldese non è nuova a mobilitazioni e petizioni. Tempo fa memorabile fu quella denominata “Abellinum libera” che attraverso manifesti, striscione e raccolta di firme l’ente di promozione e sviluppo del territorio della valle del Sabato puntava a rendere di nuovo fruibile il sito archeologico di via Manfredi, allora chiuso al pubblico da anni a seguito di un contenzioso civile e anche penale tra Soprintendenza, Procura e Comune (costituitosi parte civile per i danni) da una parte ed eredi Dello Iacono dall’altra.
La nuova iniziativa della Pro Loco vuole essere certamente un pungolo e uno stimolo verso l’Amministrazione Spagnuolo per decidere sul futuro dell’edificio che fa parte del Polo Museale della Campania. La Dogana è infatti certamente l’immobile di pregio del patrimonio comunale anche per la sua ubicazione centrale.
La presenza della Soprintendenza in questi anni, come ha più volte ribadito il delegato al Patrimonio Massimiliano Del Mauro ha garantito «la cura, la gestione e la manutenzione di un immobile che differentemente non so se avrebbe potuto ricevere le stesse attenzioni, vista la scarsità di risorse da parte del comune».
L’edificio un anno fa finì anche al centro di una denuncia da parte dal parlamentare del Movimento 5 Stelle, oggi sottosegretario agli Interni Carlo Sibilia, che all’indomani di una visita all’interno della Dogana contestò la situazione di abbandono di alcune statue «opere dal valore inestimabile sono completamente abbandonate – scriveva -, a terra, in condizioni precarie, impolverate, senza che nessuno se ne sia mai potuto o voluto occupare» evidenziano poi come l’edificio fosse svuotato di ogni funzione. Oltre la Soprintendenza dei locali al piano terra ospitano gli uffici del servizio “Informagiovani”.
La precedente amministrazione, con il delegato Lello Barbarisi, aveva invece immaginato di fare della Dogana una piazza coperta della città, con l’idea di collocarvi all’interno una serie di attività negli spazi concessi in locazione. Attività che dovevano essere compatibili con il pregio e il decoro della struttura.
Un futuro che però ad oggi il Palazzo, realizzato nel 1883 e che durante il regno dei Borbone fu utilizzato soprattutto per lo smercio dei cereali e delle fiere annuali, per poi diventare anche museo espositivo, stenta ancora a trovare.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 4,50 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Dogana dei Grani, al via la mobilitazione della Pro Loco di Atripalda per l’orologio”

  1. Alberto Alvino ha detto:

    I LOCALI DELLA DOGANA DOVREBBERO ESSERE FRUITI DAI CITTADINI DI ATRIPALDA E NON DAI CUSTODI DELLA SOVRINTENDENZA.
    RITENGO INUTILE L’OCCUPAZOIONE DEI LOCALI PER INFORMAGIOVANI. OGGI GLI ADOLESCENTI SONO INFORMATISSIMI, FIGURIAMOCI I GIOVANI. OGGI INTERNET E’ IN TUTTE LE CASE.

    I LOCALI PROSPICIENTI LA PIAZZA ANDREBBERO RIPRISTINATI COME LO ERANO, CON L’ACCESSO DALLA PIAZZA, E FITTATI A CANONE AGEVOLATO ALLE VARIE ASSOCIAZIONI. QUESTO MI PERMETTO DI CONSIGLIARE AI NOSTRI POLITICI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Statistiche Mercoglianonews.it