alpadesa
  
domenica 20 ottobre 2019
Flash news:   Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto

Trasferimento mercato, si cerca l’accordo tra amministrazione ed ambulanti

Pubblicato in data: 19/1/2010 alle ore:08:31 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

incontro mercato1Trasferimento mercato del giovedì, riunione ieri sera a Palazzo di città tra Amministrazione comunale e sindacati degli ambulanti per completare lo spostamento a Parco della Acacie-via San Lorenzo. Nell’incontro con i rappresentanti delle associazioni sindacali per discutere e definire le fasi del trasferimento delle bancarelle dei venditori non alimentaristi ancora sistemati a contrada Santissimo-via Garmsci, l’assessore delegato al commercio Elio Di Pietro ha consegnato una bozza del “Regolamento comunale per il commercio al dettaglio su aree pubbliche” redatto dal IV° settore.
«I commercianti, prima delle festività natalizie, ci incontro mercato2avevano chiesto una proroga della delocalizzazione decisa dal consiglio comunale – spiega l’assessore – e noi siamo venuti incontro alle loro esigenze e richieste. Oggi abbiamo consegnato una bozza di regolamento che disciplina il commercio al dettaglio su aree pubbliche. Venerdì ci sarà l’ultima riunione. Mi aspetto da parte delle organizzazioni sindacali un contributo fattivo». Un volta condiviso dai sindacati, il regolamento dovrà essere prima sottoposto all’attenzione della commissione consiliare e poi ratificato dal parlamentino cittadino. Oltre all’assessore Di Pietro, per l’amministrazione presenti il comandante della incontro mercato3Polizia Municipale Carmine Colantuoni ed il tecnico dell’Utc Felice De Ciccio che ha redatto le planimetrie. Per i commercianti invece al tavolo il presidente di “AssoCiA” Gerardo Iannaccone, il rappresentante di Unimpresa Rino Bilotto e Giuseppe Innocente e Luigi Matarazzo per ConfCommercio.
Non mancano tuttavia le polemiche. Per Innocente di Confcommercio: «Da parte nostra c’è la volontà di collaborare. Ormai il consiglio ha deliberato il trasferimento e ne prendiamo atto. Il comune era sprovvisto dal lontano 1990 di un regolamento del mercato su aree pubbliche che fissi le norme e gli indirizzi per il trasferimento e l’assegnazione dei posti. Solo oggi ci è stato presentato. Restiamo convinti che il mercato a via San Lorenzo sia destinato a morire».
Per Rino Bilotto di Unimpresa infine: «Il Piano Commerciale così come proposto presenta dei limiti che dovranno essere modificati. Speriamo di trovare un’intesa in tempi brevi».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *