alpadesa
  
Flash news:   Il Consorzio A5 acquista nove defibrillatori per i servizi per la prima infanzia Intervento straordinario al campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie e per infiltrazioni nella chiesa madre Italia Viva: il nuovo partito di Renzi anche ad Atripalda. Si lavora a portare in città l’ex premier con il nuovo anno. Foto “Aquile Randagie”, gli scout che dissero no al fascismo: giovedì confronto ad Atripalda Trasloco volante ad Atripalda, i mobili vengono lanciati direttamente giù dal balcone in via Ferrovia. Foto Incidente ieri tra un’auto e un motorino in via San Lorenzo ad Atripalda: ferito un postino A Parco delle Acacie domenica convegno per dire “No” alla violenza sulle donne “World Philosofy Day 2019“, gli studenti del liceo “De Caprariis” di Atripalda a confronto con il vescovo Aiello. Foto Davide Rondoni stasera e domani ad Atripalda omaggia Giacomo Leopardi per i 200 anni de “L’Infinito” La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato

Final Eight, Air Avellino batte AJ Milano per 59 a 55. E’ semifinale

Pubblicato in data: 19/2/2010 alle ore:10:58 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

final3Una partita da batticuore. Secondi interminabili col fiato sospeso e una vittoria dalle emozioni incontenibili. L’Air Avellino ha giocato una partita che farà storia. Tensione in crescendo a -2′ dalla fine quando sul -7 punti è Akyol a cambiare le sorti realizzando due triple consecutive che hanno fatto esplodere il palazzetto riaprendo il macht. «A fare la differenza sono stati i particolari – commenta mister Pancotto a fine gara – ho avuto delle risposte eccellenti. Grandissimo Troutman che ha giocato senza un braccio. Dal -7 al parziale 11-0 della fine è stato un crescendo di forza e volontà di vincere di tutta la squadra. Siamo andati in attacco cercando le soluzioni migliori. Milano ha fatto una partita eccellente: hanno onorato l’impegno. Ad inizio anno nessuno si aspettava questa qualificazione e, invece, ci siamo riusciti».
Ottimo Brown è l’unico a illuminare Avellino nel terzo quarto l’Avellino quando da un +7 (39-32) si fa riagganciare chiudendo a +2 grazie a una incredibile bomba di Brown da centrocampo proprio sulla sirena. Sostanziale equilibrio in campo. Grande prestazione anche di Szewczyk, top scorer biancoverde.
final4«Una bella sofferenza, grandiosa partita nonostante due sviste arbitrali – commenta a caldo il presidente dell’Avellino Vincenzo Ercolino –  che avrebbero potuto compromettere il nostro cammino fino al terzo quarto tranquillo. Ma noi ci abbiamo messo “anema e core” senza nessun aiuto. Avellino è una squadra forte con qualcosa in più: il pubblico sente la partita. Avanti così».

Grande delusione, invece, in casa Milano di coach Piero Bucchi: «uno su diciotto dal tiro da tre condanna la mia squadra. Puoi fare tutte le tattiche del mondo ma non siamo riusciti a sbloccarci dalla distanza. Nel secondo tempo non siamo riusciti a trovare la via del canestro. In difesa siamo stati bravi e anche in attacco abbiamo costruito abbastanza bene. Putroppo, non l’abbiamo messa dentro e non posso rimproverare nulla ai miei».
final-eight2AIR AVELLINO – ARMANI JEANS MILANO 59 – 55 

ARMANI JEANS MILANO: Acker 5, Mancinelli 7, Hall 4, Maciulis 12, Mordente, Bulleri 8 , Rocca 13, Ianes,Viggiano, Becirovic 6. Non entrati: Ianes. All. Bucchi.

AIR AVELLINO: Troutman 2, Dylewicz 8, Casoli, Lauwers 3, Brown 13, Cortese, Iannicelli, Napodano, Porta, Nelson 8, Szewczyk 16, Akyol 9. Non entrati: Casoli, Cortese, Iannicelli e Napodano. All. Pancotto

ARBITRI: Facchini, Mattioli e Barni
NOTE: Tiri liberi: Milano 8/10, Avellino 9/11; tiri da tre Milano:1/18 , Avellino 8/30, Usciti per 5 falli: Rocca

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *