alpadesa
  
domenica 29 novembre 2020
Flash news:   Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità Coronavirus, i numeri di oggi del contagio in Irpinia: 160 i positivi, 3 ad Atripalda Installazione colonnine per la ricarica auto elettriche ad Atripalda, nominata la commissione giudicatrice per l’apertura delle offerte

Asta revocata, Del Mauro attacca: «Ennesima figuraccia dell’Amministrazione»

Pubblicato in data: 12/5/2010 alle ore:09:51 • Categoria: Politica

massimiliano-del-mauro-1Area ex box artigianali di via San Lorenzo, revocata l’asta di vendita dopo la denuncia dell’opposizione. E’ stata revocata la gara per la vendita del terreno di contrada San Lorenzo dove fino a pochi giorni fa sorgevano i vecchi box artigianali che sono stati abbattuti. Alla base della decisione la presenza della parola “box” piuttosto che “terreno” nel bando di vendita: imprecisione che ha spinto la Commissione del Comune, presieduta dal responsabile del Settore Finanziario dell’Ente, Paolo De Giuseppe, a revocare bando ed asta.
La disposizione arriva dopo la denuncia dei consiglieri di minoranza Massimiliano Del Mauro (foto) e Antonio Iannaccone con il «Circolo di via Fiume», che avevano definito il bando irregolare.
«Nel documento – spiega il consigliere d’opposizione Massimiliano Del Mauro – si legge della vendita di un immobile e non di un terreno e di una precisa volumetria. Un eventuale acquirente, pertanto, non avrebbe avuto la certezza di poter utilizzare il terreno come zona edificabile. Inoltre non figuravano né i pareri della Soprintendenza né quelli dell’Anas. Per fortuna qualcuno come noi se li legge le carte. Abbiamo evitato al Comune un’altra figuraccia dovuta allo scarso coordinamento che esiste tra gli uffici comunali che d’ora in avanti hanno bisogno di un metodo di lavoro nuovo. Ma questo episodio mette in evidenza ancora una volta l’inadeguatezza e l’incapacità di questa maggioranza nel governare perché delle due l’una: o non leggono le carte perché poco inclini al lavoro o se li leggono e non ne capiscono il contenuto».
La vendita rientrava nel Piano di alienazione varato dalla giunta per far quadrare i conti per il Bilancio di Previsione 2010. Ora si dovrà procedere alla stesura di un nuovo bando che sarà pubblicato a giorni.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *