mercoled� 22 maggio 2024
Flash news:   Campagna controlli “Fiume Sicuro” rivela gravi irregolarità ambientali Operai al lavoro nel parco pubblico di San Gregorio per la manutenzione dopo le polemiche Concluso ieri il Giubileo Mariano di Montevergine. Foto Playoff serie C: domani sera l’Avellino a Catania Giro-E 2024, sulle strade della Campania numerosi ciclisti irpini Festeggiamenti Sant’Antonio, ieri sera alzata del Pannetto in piazza Umberto La Squadra Mobile arresta un 38enne di Atripalda truffatore seriale Green Volley Atripalda, l’Under 14 è campione regionale Truccate in piazza ad Atripalda contro la violenza di genere. Foto Grande successo per la X edizione del Premio Internazionale San Valentino-Città di Atripalda 2024. Foto

Si ferma a Lamezia il sogno promozione dei lupi

Pubblicato in data: 30/5/2010 alle ore:19:43 • Categoria: Avellino Calcio

avellino12VIGOR LAMEZIA (4-4-2): Forte; Tidei, Ginobili, Pisano, Bognanni; Rondinelli, Cordiano, Mangiapane, Lio (12′ st Biondo); Cosa (29′ pt Di Piedi), Lattanzio (34′ st Perrelli). A disp.: Tucci, Simonetti, Chiricò, Clasadonte. All.: Marulla.

AVELLINO (4-2-3-1): Apuzzo; Meola, Puleo, Patti, M. Esposito; Licciardi, D’Angelo (16′ st D’Isanto); Rega (30′ st Tarquini), Fanelli, C. Esposito (20′ st Biancone); Majella. A disp.: Giordani, Moscarino, Lonardo, Viscido. All.: Marra.

ARBITRO: Zappatore di Taranto.

Guardalinee: Cuomo di Firenze e Tarchi. di S. Giovanni Valdarno.

MARCATORE: 30′ st Mangiapane.

Angoli: 6 a 9

Recupero: 2 pt; 5′ St.

NOTE: giornata estiva. Spettatori 3500, di cui mille e cinquecento giunti da Avellino.

Espulso al 24′ del Secondo Tempo il Tecnico dell’Avellino.12 Salvatore Marra per proteste. Espulso al 43′ st Licciardi (A) per somma di ammonizioni.

Ammoniti: Mangiapane (L), Cosa (L), D’Angelo (A), Rega (A), Rondinelli (L), Perrelli (L), Biancone (A).

Recupero: 2′ pt; 5′ St.

Commento: Finisce a Lamezia il sogno dell’Avellino.12 di vincere i play-off. Determinante l’errore del numero uno Irpino Matteo Apuzzo, letteralmente fuori posizione che si è fatto sorprendere da una punizione calciata dal Lametino Mangiapane da oltre quaranta metri. Così era scritto e così ha deciso il crudele Fato. Ora non resta che sperare nei ripescaggi essendo la squadra del Presidente Rodomonti tra le sedici del campionato di Serie D.

Cronaca della gara (di Ottavio Picardi):

Al 10′ l’Avellino è vicina al vantaggio con Fanelli che cerca di correggere in rete un cross dalla destra ma un difensore lametino respinge la palla sulla linea.

Al 12′ la Vigor vicina al vantaggio con Mangiapane che su punizione colpisce la traversa ad Apuzzo battuto.

Al 23′ Cosa ci prova da fuori area ma manda a lato. Dopo il tiro l’attaccante lametino s’infortuna ed è costretto ad uscire dal campo, al suo posto entra Di Piedi

27′ L’Avellino reclama un rigore per atterramento in area di Esposito C.

Secondo Tempo:

I due allenatori non effettuano nessun cambio, formazioni invariate.

Al 25’viene espulso mister Marra per proteste.

Al 32′ La rete per la Vigor con Mangiapane. Punizione da quaranta metri, che sorprende un incerto Apuzzo e palla in rete.

Al 35 Moreno Esposito effettua un cross per la testa di Tarquini, il colpo di testa dell’attaccante irpino va fuori di poco.

Al 39′ L’Avellino colpisce la traversa con Puleo. Angolo di Fanelli colpo di testa di Puleo, il capitano colpisce la traversa.

Al 43′ L’Avellino in dieci. Cartellino rosso a Licciardi per un fallo su Bognanni. Secondo giallo per il centrocampista.

L’arbitro decreta 5 minuti di recupero.

Al 49′ ultimo assalto dell’Avellino con un colpo di testa di Fanelli, ma la sua conclusione termina alta sulla traversa.

Fischio finale dell’arbitro di Taranto con i padroni di casa che festeggiano mentre tra gli Irpini è notte fonda.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *