alpadesa
  
Flash news:   Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo Pianta organica del Comune, parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “firmati i decreti dei dipendenti, a breve le assunzioni” Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Stufa a Gpl prende fuoco ad Atripalda, i Vigili del fuoco evitano il peggio Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, la Giunta Spagnuolo fissa gli impegni di spesa per i due progetti di riqualificazione e risanamento idrogeologico ad Atripalda Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda

Nuova riunione per il Piano Strategico dell’area vasta di Avellino

Pubblicato in data: 9/6/2010 alle ore:14:20 • Categoria: Attualità

avellino-sindacoNuova riunione, questa mattina, al Comune di Avellino sul Piano Strategico che interessa l’area vasta del capoluogo irpino.
I comuni coinvolti, oltre ad Avellino sono Atripalda, Aiello del Sabato, Monteforte, e Mercogliano.
Per la cittadina dela Sabato ha preso parte il delegato all’Urbanistica, Luigi Tuccia.
Dopo la bocciatura dei progetti da parte della Regione – spiega Tuccia – il comitato tecnico scientifico provvederà ad attivarsi per la ricerca di nuovi finanziamenti. E’ una bella sfida che vogliamo vincere insieme”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *