alpadesa
  
domenica 15 settembre 2019
Flash news:   Incendio Pianodardine, Camminata Rosa rinviata a data da destinarsi Incendio a Pianodardine, il Comitato festa rinvia al prossimo fine settimana i festeggiamenti per San Sabino con concerto della PFM e processione Incendio a Pianodardine, Arpac avvia monitoraggi ambientali. Foto Incendio a Pianodardine, sospesa la raccolta differenziata da parte di Irpiniambiente Lunedì mattina aprire la nuova area parcheggio in via Francesco Scandone. FOTO Incendio a Pianodardine, domani scuole chiuse ad Atripalda. Ecco l’ordinanza Incendio a Pianodardine: evacuata la zona, nube tossica nell’aria. Il prefetto dichiara lo stato di emergenza: si invita a restare a casa e tenere le finestre chiuse. FOTO Carlo Sibilia riconfermato sottosegretario all’Interno Allarme ambientale a Pianodardine: brucia fabbrica di materiale plastico Settantenne atripaldese chiede i danni al comune di Salerno

Reddito di cittadinanza, senza sussidio 50 famiglie in città

Pubblicato in data: 12/6/2010 alle ore:20:18 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

municipioReddito di cittadinanza, dopo il taglio netto e il blocco dei fondi deciso dalla giunta regionale di centrodestra, guidata da Stefano Caldoro, che ritiene inefficace e da annullare la misura voluta dal precedente governatore, Antonio Bassolino, scoppia la protesta anche in città.
Ad Atripalda sono infatti circa 50 le famiglie che usufruiscono del bonus: in tutto 350 euro al mese.
La scelta di tagliare il sussidio sta sollevando notevoli malumori tra  i beneficiari del provvedimento che mirava ad aiutare le famiglie più disagiate e povere.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *