alpadesa
  
Flash news:   Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti A Catania lupi sconfitti per 3-1 “Alvanite Quartiere Laboratorio”, l’Amministrazione affida incarico professionale per adeguare il progetto alla variata normativa energetica Vittoria in trasferta per la Scandone: battuta per 71-82 la Stella Azzurra Roma Autovelox, psicosi tra gli automobilisti per le nuove postazioni lungo il Raccordo mentre sulla Variante il Comune incassa altre sconfitte dal Giudice di Pace Aggiudicato l’appalto dei lavori per l’ampliamento del ponte delle Filande lungo il torrente Fenestrelle ad Atripalda: progetto anti alluvioni Avellino: raggiunto l’accordo con il centrocampista Nicolas Izzillo Calcio, goleada con l’Intercampania Si completa il restyling di Parco delle Acacie ad Atripalda con un secondo lotto di lavori. Antonacci: «Tempi brevi in vista dell’accorpamento del mercato» L’Avellino cade a Teramo al 90’: finisce 1-0

Due volte sì, la campagna referendaria del comitato “Acqua bene comune” di Avellino

Pubblicato in data: 25/3/2011 alle ore:10:29 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

campagna-referendum-acquaL’acqua è un bene comune dell’umanità“. L’acqua e la più importante risorsa del nostro pianeta deve essere sentita come un bene che appartiene a tutti gli abitanti della Terra. L’acqua è un diritto fondamentale e inalienabile che deve essere garantito a tutti. Non deve essere considerata un bene economico, assoggettato alle leggi e ai soprusi del mercato e da cui pochi possano trarre beneficio a detrimento della maggioranza.
Di parere opposto è il Governo e infatti nell’articolo 23 bis del decreto legge numero 112 del ministro G. Tremonti nel comma 1 si afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell’economia capitalistica. Ma senza acqua non c’è vita e se solo chi può pagare, ha diritto all’acqua, significa che gli altri non ne hanno diritto. L’acqua è e deve essere di tutti e non si può privare del diritto alla vita i poveri che non possono pagare la bolleta. Questo è successo a Zingonia (Brescia), dove i gestori privati dell’acqua l’hanno tagliata ai cittadini morosi che naturalmente erano i più poveri e fra questi c’erano anche migranti. Acqualatina, (Veolia, la più grande multinazionale dell’acqua) che gestisce l’acqua di Aprilia, ha deciso nel 2005 di aumentare le bollette del 300%! Oltre quattromila famiglie da quell’anno, si rifiutano di pagare le bollette ad Acqualatina, pagandole invece al Comune. Una lotta lunga e dura di resistenza quella degli cittadini di Aprilia contro Acqualatina!
E’ chiaro che se l’acqua viene assoggettata alle leggi del mercato, questo significa che il gestore ci deve guadagnare e quindi la bolleta diventa sempre più costosa.
E se il gestore deve guadagnare non può occuparsi della manutenzione delle reti (che è costosa) e spinge i consumatori a consumare di più, così lui guadagna di più. E’ invece l’acqua è un bene prezioso da usare con parsimonia, e la manutenzione delle reti è importante per evitare perdite. Con la gestione privata insomma, ne beneficiano solo i gestori a danno della popolazione. E questo è anche contrario all’articolo 3 della Costituzione che dice che: “E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese“.
Nel 2010 oltre un milione e quattrocentomila donne e uomini hanno sottoscritto i referendum per togliere la gestione del servizio idrico dal mercato e i profitti dall’acqua. Lo hanno fatto attraverso una straordinaria esperienza di partecipazione dal basso, senza sponsorizzazioni politiche e grandi finanziatori, nel quasi totale silenzio dei principali mass-media. Grazie a queste donne e questi uomini, nella prossima primavera l’intero popolo italiano sarà chiamato a pronunciarsi su una grande battaglia di civiltà: decidere se l’acqua debba essere un bene comune, un diritto umano universale e quindi gestita in forma pubblica e partecipativa o una merce da mettere a disposizione del mercato dei grandi capitali finanziari, anche stranieri. Quindi non andate al mare, ma andate a votare. Crediamo anche che il ricorso all’energia nucleare sia una una scelta sbagliata perché è una fonte rischiosa, costosa, non sicura e nei fatti alternativa al risparmio energetico e all’utilizzo delle fonti rinnovabili. Siamo convinti che una vittoria dei SI ai referendum della prossima primavera possa costituire una prima e fondamentale tappa, non solo per riconsegnare il bene comune acqua alla gestione partecipativa delle comunità locali, bensì per invertire la rotta e sconfiggere le politiche liberiste e le privatizzazioni dei beni comuni che negli ultimi trent’anni hanno prodotto solo l’impoverimento di larga parte delle popolazioni e dei territori e arricchito pochi gruppi finanziari con una drastica riduzione dei diritti conquistati, determinando la drammatica crisi economica, sociale, ecologica e di democrazia nella quale siamo tuttora immersi. Cambiare si può e possiamo farlo tutte e tutti assieme.Per questo chiamiamo tutte le donne e gli uomini di questo Paese a una grande manifestazione nazionale del popolo dell’acqua e dei movimenti per i beni comuni da tenersi a Roma sabato 26 marzo 2011.Una manifestazione aperta, allegra e plurale.Per lanciare la vittoria dei SI ai referendum per l’acqua bene comune. E per dire che un’altra Italia è possibile. Qui ed ora.Perché solo la partecipazione è libertà.Perché si scrive acqua e si legge democrazia.

COMITATO “ACQUA BENE COMUNE” AVELLINO

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *