sabato 26 novembre 2022
Flash news:   25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione Buon compleanno ad Angelo Fedele Festa dell’Albero, piantumati cinque ulivi nella villa comunale “Don Giuseppe Diana”. Foto Cimitero, l’Amministrazione punta a realizzare nuovi loculi Nuovo decoro alla tomba funeraria di epoca romana e alla basilica paleocristiana del centro storico. Foto

Sic transit gloria mundi… la nota di Raffaele La Sala (Mèl)

Pubblicato in data: 12/11/2011 alle ore:07:58 • Categoria: Merito è Libertà, Politica

la-sala-in-aulaOggi, forse, il premier Silvio Berlusconi formalizzerà le dimissioni, facendosi da parte con responsabilità e stile (più di quanto non ne abbia dimostrato nelle torbde e -più o meno censurabili- vicende private), con la presa d’atto di una situazione oggettivamente divenuta insostenibile. Proprio mentre gli istinti peggiori dell’italica progenie (sciacallaggi, fughe precipitose, trabocchetti, cambi di casacca, di bandiera e di tifoseria) si riaffacciano sul proscenio di una mediocre ed a tratti purulenta ‘politica’, assai poco “vergin di servo encomio e di codardo oltraggio”. E, quel che è peggio, brandendo, come una sciabola di cartone, le competenze ed il blasone di una persona perbene, come il prof. Mario Monti, in uno strisciante -per quanto forse azzardato – fuoco d’artificio istituzionale.

La sua preinvestiura, infatti, al di là delle riconosciute qualità dell’uomo e persino delle indifferibili ‘necessità’ dell’ora presente, fa impallidire il decisionismo umorale di Sandro Pertini e le picconate cossighiane. Vedremo nelle prossime ore come andrà a finire, nel prevedibile sfaldamento di due partiti (mai ve ramente partiti), nati troppo in fretta e senza una condivisa base di valori ed un solido radicamento sociale, per essere credibili, specie nelle dense nebbie di una evocata (ed a quanto pare minacciata ed attesa) prossima catastrofe finanziaria.
Forse davvero non c’è più tempo per soluzioni ragionate e lo stesso cavaliere ha aspettato troppo, sfidando in solitudine e con sempre più stanca protervia, la dea bendata ed il moralismo ipocrita di una classe politica (di ogni topografia e di ogni colore) che non è, percentualmente al reddito ed alle qualità… -vere o presunte che siano-, molto migliore di lui.
Ma tant’è. La sfida di Berlusconi, che ai più ragionevoli da qualche tempo si appalesava sempre più ostinata e non necessaria, si chiude con le dimissioni, ma più per il sommerso ed a tratti esplicito intensificarsi del fuoco amico, che per un’efficace opposizione parlamentare ed una seria prospettiva politica.
E’ singolare come, a schieramenti rovesciati (ed immagino senza le fantasmagoriche perfomance del cavaliere), la scena politico-amministrativa di Atripalda presenti vistose analogie.
Solo che Laurenzano aspetterà -dice- fino a lunedì.
Raffaele La Sala
consigliere comunale di Atripalda – “Merito è Libertà”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.