sabato 24 febbraio 2024
Flash news:   L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina” Imbrattata ancora una volta la fontana di piazza a Umberto Chiuso fino al 6 marzo l’ufficio postale centrale di Atripalda Assemblea del Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity Dramma sul lavoro alla Stellantis di Pratola Serra: morto operaio di 52 anni di Acerra Scandone, parte la Play-In Gold Debutto stagionale domenica per i ciclisti del team Eco Evolution Bike Avellino: dopo la vittoria nel derby trasferta contro il Monterosi Luigi De Magistris e Omar Suleiman a “Fortapàsc” per parlare di pace Riapre stasera dopo tre mesi “Jack Old Pub” nel ricordo di Giuseppe Nazzaro

I sei consiglieri del Pd si dimettono dal Consiglio comunale

Pubblicato in data: 16/12/2011 alle ore:08:14 • Categoria: Politica

consiglio comunaleI sei consiglieri comunali del Partito Democratico si dimetteranno dal Consiglio comunale di Atripalda.
E’ quanto deciso ieri sera nella riunione che il gruppo consiliare ha avuto con il capogruppo Antonio Tomasetti,  il segretario cittadino Federico Alvino e il coordinatore provinciale dell’Area “Bersani” Lucio Fierro.
Le dimissioni saranno accompagnate da un documento politico del gruppo Pd che sarà divulgato in giornata dal capogruppo Tomasetti.
Le dimissioni dei sei consiglieri Antonio Tomasetti, Enzo Aquino, Luigi Tuccia, Nancy Palladino, Andrea Montuori e Franco Landi saranno protocollate al Comune questa mattina.
A questo punto non è escluso che alle dimissioni dei consiglieri del Pd seguano anche quelle di Sel con Luigi Adamo e dei quattro consiglieri del gruppo “Centrosinistra per Atripalda”: Troisi, Foschi, Guerriero e Di Pietro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *