alpadesa
  
domenica 17 gennaio 2021
Flash news:   Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse”

La nota politica – La mossa sbagliata

Pubblicato in data: 31/12/2011 alle ore:14:27 • Categoria: Editoriali

la-mossa-sbagliataLa gatta frettolosa fa i figli ciechi, racconta un vecchio proverbio. Così potrebbe sintetizzarsi la scelta del gruppo consiliare del Pd, dell’Udc ed infine del Pdl di rassegnare le dimissioni.
Rinunciare al mandato elettivo a singhiozzo alla fine si è rivelato un boomerang che consente all’amministrazione Laurenzano, con tutti i suoi limiti, di ritrovarsi in Consiglio e Giunta con una maggioranza più forte, coesa e soprattutto disintossicata dalla parte più critica e insofferente. Consegnando in mano al primo cittadino un jolly da poter spendere in futuro.
Un bel regalo di Natale senza dubbio per Laurenzano che con le nove surroghe in tasca riesce a creare in città nuove attese, a proiettare verso primavera nuovi consiglieri, spaccare quasi tutti i partiti, lasciare macerie ovunque ed infine crearsi intorno un gruppo sul quale poter lavorare per un’eventuale lista civica da capeggiare.
Le opposizioni non avrebbero dovuto prestare il fianco all’operazione Pd, tutta legata a lacerazioni interne ad un partito segnato in città, come in provincia, da correnti sempre più simili alla vecchia Dc. Ne basterebbe giustificarsi dicendo: c’è l’accordo politico.
Certamente il giudizio di questa consiliatura così lacerata e velenosa non può essere positivo, caro sindaco, e lei ha grandi responsabilità in ciò. Ma nelle minoranze, spesso distratte, si annidano corresponsabilità del disastro.
Che la città stia naufragando, non è del tutto fuori di luogo. Fa male dirlo. Ma è proprio in questo momento, alla vigilia di un grande appuntamento come quello elettorale, che la mossa della minoranza appare frettolosa.
A Laurenzano infine cosa dire: torni all’ascolto. Non è il momento delle fughe in avanti e dei contropiedi solitari, specie quando si è senza fiato.

Alfonso Parziale

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *